close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

Panetti di hashish a forma di iPhone con falso logo Apple

Sono della stessa grandezza di un telefono cellulare. Scatta il sequestro dei carabinieri

hashish-apple-iphone-napoli

Dieci panetti di hashish della stessa grandezza di un telefono cellulare iPhone, marchiati con il logo contraffatto (la famosa “mela”) del colosso informatico Apple, sono stati trovati e sequestrati dai carabinieri nella zona di Marianella, a Napoli, nell’abitazione di un uomo di 57 anni che custodiva nell’armadio della sua camera da letto anche 50 grammi di marijuana, divisa in 25 confezioni, una pistola calibro 9, 20 cartucce calibro 7.65 e un bilancino di precisione. I panetti, grandi grossomodo come un telefono iPhone, pesano complessivamente un chilogrammo.

In manette è finito Vincenzo Agrillo, con l’accusa di ricettazione, detenzione di stupefacenti a fini di spaccio, e di detenzione illegale di arma da fuoco e munizioni.

La zona dove è stata trovata la droga è ritenuta dagli investigatori sotto l’influenza del clan dei “Lo Russo”. Successive verifiche hanno consentito di accertare che la pistola è stata rubata nel 2011 a un 33enne di Giffoni Valle Piana (Salerno). L’hashish, se venduta al dettaglio, avrebbe fruttato oltre 10mila euro. Agrillo è stato chiuso nel carcere napoletano di Poggioreale.

Fonte: repubblica.it

Tag:, , , , , , ,

No Comments
Story Page