close
Breaking news

Ecco la lista completa dei film presenti alla 73esima Mostra del Cinema di Venez...read more   Un nuovo titolo nel programma della 73. Mostra: L’uomo che non cambiò la s...read more   “The Rockers” è il nuovo album della stella del reggae mond...read more Finalmente pubblicata la canzone di Florence + The Machine scritta per il nuovo...read more La 73.ma edizione del Festival di Venezia segna anche il ritorno alla regia, c...read more 22 settembre. L’estate è finita ufficialmente. E su questo non ci piove....read more Orfani di Grido, i Gemelli DiVersi sono tornati in pista. Di seguito il video e ...read more   En?gma – Rapa Nui (Prod. By Wsht) Rapa Nui è il terzo singolo est...read more “Curriculum” è il primo singolo estratto da “Canzoni per met...read more “Dal Basso“, fuori ora il nuovo video di Emis Killa estratto dal suo nuovo a...read more

Occhiaie dello zio Fester: guida alla sopravvivenza

Oggi rivolgo un pensiero a tutte quelle dolci fanciulle che, come me, sono state un po’ sfigate quando quella simpaticona di Madre Natura ebbe la brillante idea di donarci le occhiaie. Fidatevi, in realtà era tutta una tattica: sembrare addormentate fuori ma essere sveglie dentro, ecco.

Torniamo seri. Parliamoci chiaro, le occhiaie (soprattutto congenite) rappresentano spesso un disagio sociale. Per molte donne è un peso conviverci, soprattutto perché ci sono giorni con zero voglia di truccarsi. Eppure si truccano ugualmente, perché non si piacciono e perché non vogliono farsi vedere “senza maschera” (pensate a quegli uomini che vivono questo disagio ma non si truccano per timore di essere criticati! Ne riparleremo, gente). Il problema è nascondere le occhiaie per bene. Qui, vi viene in aiuto il make up.

Seguendo la teoria secondo cui i colori opposti – presenti nella “ruota dei colori” – si annullano, riassumiamo così:

  • Occhiaia viola? Si copre col giallo;
  • Occhiaia blu? Serve l’arancione – pescato.

Se ancora non riuscite a capire il colore a cui tendono quei cerchi scuri sotto gli occhi, o se avete già tentato di coprirli in diversi modi ma continuate a sembrare lo zio Fester, il mio consiglio è di provare tutte le soluzioni, anche mischiandole. Tanto, prima o poi, “uno su mille ce la fa”. In ogni caso, rassegnatevi: dopo la correzione col giallo o l’aranciato, dovete comunque applicare un altro correttore sopra, meglio di un tono più chiaro rispetto alla vostra pelle e del sottotono giusto, per illuminare e uniformare l’incarnato.

Veniamo al tipo di correttore. Con occhiaie marcate, pelle secca e rughette che manco uno shar pei, scegliete sempre correttori coprenti ma idratanti, liquidi o molto cremosi. Se non avete rughe, potete osare con un correttore secco o tutte le altre formulazioni, purché coprenti. Se siete fortunate (maledette voi!) con occhiaie leggerissime, andate a nozze coi correttori liquidi illuminanti. In tutti i casi, il correttore va fissato con la cipria. Attenzione. Stop. Rileggete, altre 10 volte. Altrimenti non vi dura nemmeno il tempo di un caffè. A proposito, la caffeina aumenta le occhiaie. Sconvolte?

Tag:, , , , , , , ,

No Comments
Story Page