close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

Occhi di cane azzurro, i primi sogni di Marquez

Sarebbe abbastanza banale parlare dei romanzi più popolari e significativi di Gabriel Garcia Marquez, alla luce della sua recente scomparsa e nel giorno in cui avrebbe compiuto il suo 87esimo compleanno.

Chi non conosce infatti, anche solo dal titolo, libri come “Cronaca di una morte annunciata“, “L’amore ai tempi del colera“, “Foglie morte“, “La mala ora” o l’inarrivabile “Cent’anni di solitudine“, votato, durante il IV Congresso internazionale della Lingua Spagnola, tenutosi a Cartagena nel 2007, come seconda opera in lingua spagnola più importante mai scritta, preceduta solo da Don Chisciotte della Mancia di Miguel de Cervantes… ?

Sarebbe scontato, dicevo. Perché questi scritti, giunti all’apice della maturazione stilistica di Marquez, sono stati concepiti per mettere d’accordo sia il pubblico che la critica, grazie al’utilizzo di una prosa ricca e scorrevole ed il contorno di una costante ironia che ne hanno determinato, per parafrasare uno dei suoi libri più riusciti, la cronaca di un successo annunciato.

Come tutti i grandi scrittori all’inizio della loro carriera, c’è stato un tempo invece, in cui l’esuberanza e la voglia di gridare al mondo i propri pensieri si scontrava, da un lato, con le paure e le inquietudini tipiche di chi cerca di dare delle risposte a domande antiche come il mondo e, dall’altro, con la forma stessa che le doveva racchiudere e contraddistinguere.

Per questo mi permetto di segnalare una lettura poco conosciuta di Marquez, Occhi di cane azzurro, una raccolta dei primi racconti dello scrittore colombiano, decisamente acerbi e a tratti un po’ cupi che, se da un lato tradiscono le sue influenze letterarie (Kafka in testa) d’altra parte racchiudono, a mio modesto parere, i germi e le tematiche poi così brillantemente affrontate nei suoi successivi capolavori.

La grande forza narrativa e la voce originale che tutti oggi conosciamo, in fondo sono nate anche da qui.

cover

Tag:, , , , , ,

No Comments
Story Page