close
Breaking news

Oggi sarebbe stato il compleanno di un grande drammaturgo francese, avrebbe com...read more Vorresti far vedere a tutti quanto ti diverti insieme ai tuoi amici o familiari ...read more Appassionati di Holly e Benji? Klab ha annunciato poche ore fa che la pre-regist...read more È morto a 64 anni Malcolm Young, chitarrista e cofondatore degli AC/DC. Ad ann...read more Crozza-Mattarella piange nel dopo partita Italia-Svezia: “Siamo una chiavica!...read more Shyla Stylez, nota pornostar canadese, protagonista di varie parodie a luci ros...read more Vittima da giorni di un’emorragia alle corde vocali, Shakira ha annunciato il ...read more Il suo numero finisce in onda su Canale 5  durante la fiction “Rosy Abate...read more Il lancio di Football Manager 2018, avvenuto il 10 novembre scorso, è stato il ...read more Il figlio di Marco Travaglio, Alessandro, ha detto al padre che ha firmato un co...read more

Musica: Ue, verso copyright unico, ok a licenze in più Stati

Più facile vendere canzoni online, diritti saranno collettivi

spotify-diritti-ue-online

La Ue compie un altro passo verso la musica senza frontiere e il ‘copyright europeo’: il Parlamento Ue ha dato il via libera alla direttiva che consentirà ai fornitori di musica online di contrattare, con le società che rappresentano gli autori, licenze per più Stati e non più licenze singole con ogni Stato. Una novità che renderà più semplice per i fornitori ampliare la propria offerta musicale in tutti gli Stati, assicurando che i diritti d’autore degli artisti siano adeguatamente protetti.

“La direttiva proteggerà gli interessi dei creatori europei e renderà possibile per i consumatori avere accesso a contenuti protetti da copyright attraverso tutta l’Europa”, ha detto la relatrice francese Marielle Gallo (Ppe).

Per assicurare che i creatori di musica in tutti gli Stati membri abbiano accesso alle licenze che coprono più di un Paese, le società che gestiscono i diritti d’autore e quindi le licenze possono ‘affidare’ il loro repertorio ad organizzazioni di un altro Paese per farsi rappresentare e gestire il negoziato.

Ovviamente, alle stesse condizioni del loro stesso repertorio, perché così stabiliscono le norme votate oggi. Le ‘royalties’ dovranno poi essere distribuite agli autori il prima possibile, e non oltre nove mesi dalla fine dell’anno fiscale in cui sono stati guadagnati i ricavi. La direttiva deve ora essere solo approvata formalmente dal Consiglio.

Fonte: Ansa

Tag:, , , ,

No Comments
Story Page