close
Breaking news

Le pagelle della quinta serata del Festival di Sanremo 2018 Claudio Baglioni: 4...read more Lʼannuncio su Twitter di David Simon È morto a 59 anni l’attore Reg E....read more Le pagelle della quarta serata del Festival di Sanremo 2018 Claudio Baglioni: 4...read more Le pagelle della terza serata del Festival di Sanremo 2018 Claudio Baglioni: 4....read more Mentre si discute ancora sul caso di plagio che coinvolge Non mi avete fatto nie...read more Fiorello: 9. Fiorello è un maestro nel fare quello che ti aspetti da lui. Non ...read more Voci di corridoio confermano che si sta già pensando a una probabile seconda da...read more Come sarebbe la nostra vita senza tecnologia? Il docu-film “(A)social: 10 ...read more BELIZE – “Superman” (Kylome remix) disponibile da oggi in escl...read more L’attore 35enne è stato trovato morto: secondo i media Usa si sarebbe impicca...read more

Musica: Ue, verso copyright unico, ok a licenze in più Stati

Più facile vendere canzoni online, diritti saranno collettivi

spotify-diritti-ue-online

La Ue compie un altro passo verso la musica senza frontiere e il ‘copyright europeo’: il Parlamento Ue ha dato il via libera alla direttiva che consentirà ai fornitori di musica online di contrattare, con le società che rappresentano gli autori, licenze per più Stati e non più licenze singole con ogni Stato. Una novità che renderà più semplice per i fornitori ampliare la propria offerta musicale in tutti gli Stati, assicurando che i diritti d’autore degli artisti siano adeguatamente protetti.

“La direttiva proteggerà gli interessi dei creatori europei e renderà possibile per i consumatori avere accesso a contenuti protetti da copyright attraverso tutta l’Europa”, ha detto la relatrice francese Marielle Gallo (Ppe).

Per assicurare che i creatori di musica in tutti gli Stati membri abbiano accesso alle licenze che coprono più di un Paese, le società che gestiscono i diritti d’autore e quindi le licenze possono ‘affidare’ il loro repertorio ad organizzazioni di un altro Paese per farsi rappresentare e gestire il negoziato.

Ovviamente, alle stesse condizioni del loro stesso repertorio, perché così stabiliscono le norme votate oggi. Le ‘royalties’ dovranno poi essere distribuite agli autori il prima possibile, e non oltre nove mesi dalla fine dell’anno fiscale in cui sono stati guadagnati i ricavi. La direttiva deve ora essere solo approvata formalmente dal Consiglio.

Fonte: Ansa

Tag:, , , ,

No Comments
Story Page