close
Breaking news

Le pagelle della quinta serata del Festival di Sanremo 2018 Claudio Baglioni: 4...read more Lʼannuncio su Twitter di David Simon È morto a 59 anni l’attore Reg E....read more Le pagelle della quarta serata del Festival di Sanremo 2018 Claudio Baglioni: 4...read more Le pagelle della terza serata del Festival di Sanremo 2018 Claudio Baglioni: 4....read more Mentre si discute ancora sul caso di plagio che coinvolge Non mi avete fatto nie...read more Fiorello: 9. Fiorello è un maestro nel fare quello che ti aspetti da lui. Non ...read more Voci di corridoio confermano che si sta già pensando a una probabile seconda da...read more Come sarebbe la nostra vita senza tecnologia? Il docu-film “(A)social: 10 ...read more BELIZE – “Superman” (Kylome remix) disponibile da oggi in escl...read more L’attore 35enne è stato trovato morto: secondo i media Usa si sarebbe impicca...read more

The Moon Train Stop – The Moon Train Stop (EP)

The Moon Train Stop Cover

I The Moon Train Stop sono una band piemontese di Torino e Cuneo nata nel 2014. Più precisamente un trio nato su iniziativa di Simone Montenegro e Paolo Basso, già membri e fondatori del duo strumentale Il Codice Blu, ai quali si è poi aggiunto Paul Pellegrino.

I tre ci hanno messo più o meno un anno per registrare il loro primo lavoro: un EP omonimo contenente quattro tracce che spaziano tra il rock (Discreet Sailor), il pop (You, Me and Weird) e l’elettronica (Fairy Tale Thru All the Lies). Ciò che resta costante, invece, è la voglia di ricercare e sperimentare costantemente nuove sonorità, permettendo un ascolto fluido e in alcun modo noioso o ripetitivo.

Menzione a parte per il non trascurabile intro di tastiera e batteria presente in Fairy Tale Thru All the Lies (brano che trovate poco più giù) e per – a mio parere la migliore dell’EP – To Enlighten Caves (breve e d’impatto: mica facile in soli 2 minuti e 38 secondi).

Da non trascurare nemmeno la copertina, dove troviamo il gulliver melanconico di Joseph Beuys ritratto dall’artista sloveno Aleksander Velišček, uno che nella ricerca (artistica) non si è mai tirato indietro.

Trattandosi di un EP, è come se ci trovassimo al cospetto di un biglietto da visita della band, con la consapevolezza che un giudizio più completo potrà essere espresso solo ascoltando i prossimi lavori. L’inizio, comunque, permette di guardare al futuro con un certo ottimismo. Nell’attesa, potete farvi un’idea in merito anche voi, ascoltando l’EP in streaming a questo link.

Tag:, , ,

No Comments
Story Page