close
Breaking news

L’artista sarà sul palco dell’Ariston anche in veste di direttore a...read more Messico, ucciso assistente di produzione di ‘Narcos’: cercava locati...read more L’1 settembre uscirà il nuovo attesissimo album di Ensi, dal titolo V. Qu...read more Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more

Messico, ucciso assistente di produzione di ‘Narcos’

Messico, ucciso assistente di produzione di ‘Narcos’: cercava location per la quarta stagione della serie

 

Il corpo di Carlos Muñoz Portal trovato nel bagagliaio della sua auto, crivellato di colpi, in un’area isolata del paese. Oltre che per la serie di Netflix aveva trovato i set per ‘Spectre’, ‘Sicario’, ‘Fast & Furious’.

Il suo era un ruolo fondamentale, trovava le location migliori per poter girare un film, o una serie tv, in un territorio difficile come quello messicano. Un lavoro che gli è costato la vita: Carlos Muñoz Portal è stato trovato morto proprio mentre cercava i luoghi in cui girare la prossima, la quarta, stagione della serie di Netflix Narcos.

Trentasette anni, assistente di produzione, Muñoz Portal è stato ucciso in un’area vicina al confine con lo stato dell’Hidalgo, nel comune di Temascalapa. Beffa del destino, è stato assassinato esattamente come potrebbe accadere in una scena di Narcos: il corpo crivellato di colpi, poi nascosto nel bagagliaio della sua auto. In una zona che vanta il tragico primato del numero più alto di omicidi in tutto il Messico: solo nel mese di luglio ne sono stati registrati 182.

Impegnato nelle ricerche di nuovi siti per la serie Netflix che racconta la storia dei cartelli sudamericani della droga, da Pablo Escobar in poi, Muñoz Portal aveva lavorato anche per importanti produzioni cinematografiche che avevano avuto il Messico fra le loro location, come Sicario, Spectre, Fast & Furious, Apocalypto.

La quarta stagione di Narcos racconterà le origini del cartello messicano di Juarez dopo che la terza – ora disponibile su Netflix – ha raccontato l’ascesa e la caduta del cartello di Cali. L’assassinio di Muñoz Portal potrebbe far tornare la produzione della serie tv in Colombia, dove era stata girata all’inizio. Una decisione che potrebbe influire negativamente su centinaia di posti di lavoro creati in Messico dalla realizzazione di una delle serie di maggior successo degli anni recenti.

Fonte: Repubblica.it

Tag:, , , , , , ,

No Comments
Story Page