close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

Mega, il ritorno di un colosso

6344_10151199479951471_768667379_n

Era il 19 Gennaio 2012, il giorno in cui tutti i nerd del mondo hanno incominciato a versare le proprie lacrime, infatti in quel giorno è successa una cosa che ha stravolto il mondo del web. MegaUpload è stato chiuso, una cosa incredibile per molti, uno scherzo per tanti e “mega-che?” per i nonni che dovevano consolare i poveri nerd. Una sentenza che aveva fatto tremare il mondo dello sharing, con il colosso chiuso in pochi mesi, per paura che succedesse tutto quello che ha dovuto passare Megaupload, tutti (o quasi) i siti di sharing e di streaming hanno chiuso.

Ma oggi, esattamente un anno dopo, c’è la rinascita di una speranza. Citando Christopher Nolan: “Il ritorno del MegaUpload oscuro”, con solo delle piccole differenze, non si chiama più MegaUpload ma prenderà il nome di “Mega” e rispetto a MegauploadMega sarà molto più sicuro da potenziali attacchi della polizia, in quanto il sito non sarà supportato solo da server americani, ma anche da vari server ridondanti presenti in vari altri paesi. Quindi, qualora venissero sequestrati tutti i server fisici posseduti da Kim Dotcom dalla polizia, il sito non subirebbe alcuna perdita, in quanto tutti dati sono presenti anche su tutti gli altri server esteri. Non è stata però migliorata solamente la sicurezza dei server, ma anche dei singoli file che verranno caricati sul sito. Ogni file infatti sarà protetto da un sistema di crittografia chiamato Advanced Encryption Standard che permette solamente all’autore del file la lettura del file stesso, impedendo quindi eventuali attacchi da parte di hacker; grazie a questa decisione Dotcom si libera anche da qualsiasi possibile reato infranto da un file, in quanto solamente gli autori del file hanno le “chiavi” per la sua lettura e la sua modifica. Inoltre per ogni utente saranno disponibili ben 50 Gb di spazio online.

Il sito è ancora in fase beta, ma è possibile registrarcisi già da ora e si potrà trovare a questo indirizzo:

https://mega.co.nz/

ps. Nessun nerd è stato maltrattato nella produzione di questo articolo.

Tag:, , , , ,

No Comments
Story Page