close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

Maurizio Crozza, DiMartedì: copertina del 6 dicembre 2016 [VIDEO]

Copertina di Maurizio Crozza, che apre la nuova puntata di Dimartedì (La7), commentando, nelle vesti di Matteo Renzi, l’esito del voto referendario e reinterpretando “Il mercante di Venezia” di Shakespeare e “Shining” di Kubrick: “Perché mi odiate così tanto? Non sono come voi? La domenica non guardo forse Barbara D’Urso come voi? Non sto recitando “Il mercante di Venezia”, ma “Il mercante di Firenze”. Sempre che non mi sfanculino anche i mercanti. Da venerdì io sarò solo Matteo. Ultimo fra gli ultimi, umile fra gli umili, egocentrico fra gli egocentrici. Forse mi prenderò un anno sabbatico, forse andrò da Don Mazzi, forse andrò a curare i lebbrosi. O forse dedicherò il resto della mia vita alla vendetta. Tremenda vendetta. Bastardi tutti”.

“Italiani” – continua – “guardatemi negli occhi. Avete fatto un unico errore: mi avete lasciato vivo. Sarò il vostro incubo, vi seguirò sempre, nascosto dietro un MacBook Pro, sbucherò all’improvviso alle vostre spalle e mi riprenderò gli 80 euro uno dopo l’altro“.

Il comico torna nei suoi panni e si rivolge a Pier Luigi Bersani, ospite in studio: “E’ qui per godersi il trionfo, eh? Eh, sì, perché da questo referendum escono due vincitori indiscussi: Bersani e il Cnel. Due realtà obsolete che nessuno ha mai capito a che cazzo servissero. Comunque, finalmente Bersani, lei ha vinto delle elezioni. Ci sono voluti 65 anni di vita, però ce l’ha fatta. Certo che intorno a lei ora nel Pd ci sono solo macerie. E’ un po’ come se fosse diventato il sindaco di Aleppo”.

“Lei e Renzi siete come Foreman contro Cassius Clay. Ora sembra che lui si sia levato dal Cassius, ma non si illuda: tornerà. Lei e Renzi siete diversi: lei crede nel dialogo, lui nel monologo. Lei si fida della Costituzione, lui della Apple”. E aggiunge: “Come fate ad avere un progetto comune? E’ come vedere Riccardo Muti che scrive un’opera per Anna Tatangelo.

“Renzi dice che il 40% di Sì del referendum sono tutti voti per lui. Già è tanto che non lo ha chiamato ‘referenzum’. In realtà, dovremo unire i nostri complimenti a Jim Messina, il grande guru americano di Renzi, quello che gli ha mandato a fare in guru il referendum. Pare che la sua consulenza sia costata al Pd 400mila euro per perdere male. Se li avessero dati a Bersani tutte le volte che ha perso male, sarebbe il Trump di Bettola“.

Nel finale Crozza imita l’ex segretario del Pd: “La mucca in corridoio è diventata un toro. Perché, ragazzi, le corna non le ho viste, ma i coglioni sì. Matteo stai sereno

Tag:, , , , , , , ,

No Comments
Story Page