close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

Marco Travaglio a duetto con Franco Battiato

Battiato lascia il microfono a Travaglio
Battiato lascia il microfono a Travaglio

Avevo detto qui che non avrei fatto spoiler del tour di Franco Battiato raccontando del concerto al Teatro Regio di Torino. E infatti spoiler non ne farò, ma quello che è successo ieri sera è quantomeno particolare.

Il Regio è grande, bello, quasi ti obbliga a esser persona distinta. Specie nelle prime file, eleganza ricercata, ai limiti del pacchiano. Ti siedi e ti godi un concerto di “musica colta“, come viene definita quella del Maestro. Il primo dei miei sette di Battiato l’avevo visto in un palazzetto dello sport: a un certo punto mandammo a quel paese gli stuart e scendemmo sotto il palco dalle tribune. L’anno scorso al Teatro Arcimboldi di Milano, paragonabile al Regio di Torino, avevano vinto le hostess. Ieri sera si sono dovute arrendere.

Ha iniziato una signora dal caschetto rosso: è scesa sotto il palco e ha cominciato a ballare (non vi dico cosa per tenere fede al no-spoiler); la hostess le ha provate tutte per farla risedere, ma niente. Allora si è unita un’altra signora, poi una ragazza e in cinque minuti il compostissimo Teatro Regio sembrava lo stadio Delle Alpi. Franco, divertitissimo, ha consegnato il microfono a un signore davanti a lui. Una prima volta, poi una seconda, una terza e una quarta. Ridendo e stupendosi del fatto che quel signore conoscesse tutte le canzoni a memoria.

“Ma perchè sempre allo stesso?” – ci chiedevamo. Seppur dalla quinta fila, con quella bolgia che si è creata non lo avevamo riconosciuto. Poi Battiato e la band se ne sono andati nell’ovazione, le luci si sono riaccese e quel signore è tornato su dalle scale. Era Marco Travaglio, trafelato, divertito e sorridente, ma senza mai abbandonare quell’aria “superiore” che veste il suo personaggio. Poteva essere un po’ più democratico con quel microfono, ma da uno abituato ai monologhi non si poteva obiettivamente pretendere di meglio.

Foto teatroregio.torino.it
Foto teatroregio.torino.it

Tag:, , , ,

No Comments
Story Page