close
Breaking news

Natale è alle porte e Amazon Prime ha deciso di premiare i suoi utenti che ama...read more ARRIVA “VOCI PER LA LIBERTÀ – UNA CANZONE PER AMNESTY”, IL LIBRO SUI...read more Oggi sarebbe stato il compleanno di un grande drammaturgo francese, avrebbe com...read more Vorresti far vedere a tutti quanto ti diverti insieme ai tuoi amici o familiari ...read more Appassionati di Holly e Benji? Klab ha annunciato poche ore fa che la pre-regist...read more È morto a 64 anni Malcolm Young, chitarrista e cofondatore degli AC/DC. Ad ann...read more Crozza-Mattarella piange nel dopo partita Italia-Svezia: “Siamo una chiavica!...read more Shyla Stylez, nota pornostar canadese, protagonista di varie parodie a luci ros...read more Vittima da giorni di un’emorragia alle corde vocali, Shakira ha annunciato il ...read more Il suo numero finisce in onda su Canale 5  durante la fiction “Rosy Abate...read more

Marco Travaglio a duetto con Franco Battiato

Battiato lascia il microfono a Travaglio
Battiato lascia il microfono a Travaglio

Avevo detto qui che non avrei fatto spoiler del tour di Franco Battiato raccontando del concerto al Teatro Regio di Torino. E infatti spoiler non ne farò, ma quello che è successo ieri sera è quantomeno particolare.

Il Regio è grande, bello, quasi ti obbliga a esser persona distinta. Specie nelle prime file, eleganza ricercata, ai limiti del pacchiano. Ti siedi e ti godi un concerto di “musica colta“, come viene definita quella del Maestro. Il primo dei miei sette di Battiato l’avevo visto in un palazzetto dello sport: a un certo punto mandammo a quel paese gli stuart e scendemmo sotto il palco dalle tribune. L’anno scorso al Teatro Arcimboldi di Milano, paragonabile al Regio di Torino, avevano vinto le hostess. Ieri sera si sono dovute arrendere.

Ha iniziato una signora dal caschetto rosso: è scesa sotto il palco e ha cominciato a ballare (non vi dico cosa per tenere fede al no-spoiler); la hostess le ha provate tutte per farla risedere, ma niente. Allora si è unita un’altra signora, poi una ragazza e in cinque minuti il compostissimo Teatro Regio sembrava lo stadio Delle Alpi. Franco, divertitissimo, ha consegnato il microfono a un signore davanti a lui. Una prima volta, poi una seconda, una terza e una quarta. Ridendo e stupendosi del fatto che quel signore conoscesse tutte le canzoni a memoria.

“Ma perchè sempre allo stesso?” – ci chiedevamo. Seppur dalla quinta fila, con quella bolgia che si è creata non lo avevamo riconosciuto. Poi Battiato e la band se ne sono andati nell’ovazione, le luci si sono riaccese e quel signore è tornato su dalle scale. Era Marco Travaglio, trafelato, divertito e sorridente, ma senza mai abbandonare quell’aria “superiore” che veste il suo personaggio. Poteva essere un po’ più democratico con quel microfono, ma da uno abituato ai monologhi non si poteva obiettivamente pretendere di meglio.

Foto teatroregio.torino.it
Foto teatroregio.torino.it

Tag:, , , ,

No Comments
Story Page