close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

“Lapubblicaquiete è l’occhio di un ciclone dentro al quale tutto è sereno” – Intervista agli Stanley Rubik

lapubblicaquiete_cover

Gli Stanley Rubik, il 29 marzo hanno pubblichato il loro EP d’esordio “lapubblicaquiete”, realizzato in co-produzione artistica con i Velvet.

La loro musica è cinematica, carica di tensioni, risolte o meno, tuttavia descritte con un’ironia latente e un sarcasmo tragicomico di fondo che richiamano lo stile registico di Kubrik; nei testi echeggiano spesso le ossessioni, le ansie e le speranze del tempo presente, tinteggiate con colori diversi e (quasi) sempre irrisolvibili come nel Cubo omonimo. Il disco è stato anticipato dal singolo “Pornografia”, uscito lo stesso giorno dell’EP.

Vediamo di conoscerli meglio.

Stanley Kubrick e il cubo Rubik. Li avete fusi insieme e ne avete fatto un nome. Spiegateci perché e cosa rappresentano queste due figure per voi.

Beh diciamo che Kubrick è uno dei registi che ci accomuna maggiormente, il suo essere visionario, la sua duplice lettura, la sua ossessiva cura per l’inquadratura sono sicuramente gli elementi che ci hanno affascinato. A questa osservazione della realtà si affianca il cubo di Rubik che a nostro modo rappresenta la molteplicità, le infinite combinazioni e soluzioni al tempo stesso.

L’Ep, invece, com’è nato? E, soprattutto, cos’è “lapubblicaquiete” che da il nome ad esso?

L’idea di fermarsi e mettersi a tavolino per scegliere una serie di pezzi che ci rappresentassero dopo circa un anno dalla formazione degli Stanley Rubik non è stato semplicissimo. Siamo una band legata molto all’aspetto live, bloccare tutto per registrare l’ ep ha comportato anche fare un po’ il punto della situazione. La “pubblicaquiete” è il risultato di un anno trascorso in giro principalmente tra i palchi della capitale a contatto con la scena underground romana. Se dovessi descrivere concettualmente cosa rappresenta  “lapubblicaquiete” parlerei di un fantomatico punto zero, l’occhio di un  ciclone, dentro al quale tutto è sereno ma all’esterno in verità si scatena l’inferno. Paradossalmente il disco parla di tutto tranne che di quiete! i testi descrivono le anomalie e le fratture che accompagnano la nostra quotidianità, delle sottotracce silenziose che cercano risposte all’interno di una calma apparente.

Parliamo dei Velvet e della loro co-produzione artistica. Quanto sono stati importanti durante tutta la realizzazione dell’Ep?

Come ti dicevo prima la nostra difficoltà principale è stata quella di fermarsi e decidere cosa e come registrare. I Velvet sono stati fondamentali nella scelta dei brani, il loro punto di vista ha razionalizzato e delineato questo nostro primo lavoro. Grazie a questa piacevole collaborazione adesso siamo più consapevoli su cosa vogliamo fare in futuro.

Nel panorama musicale (nazionale o internazionale che sia) avete qualche artista o gruppo di riferimento? Una fonte d’ispirazione o, semplicemente, qualcuno che ammirate.

Beh siamo un gruppo con molte influenze, ognuno ha un suo background personale e trovare un singolo artista è molto difficile tra di noi. Forse una band sulla quale spesso e volentieri ci siamo trovati concordi sono i Puscifer.

Qualche data live in programma?

Ovviamente sì! Per ora le date sono queste giovedì 19 aprile ci trovate all’Init insieme agli Uscita 17 e Terzo Zero, mentre il 30 maggio siamo al Traffic.

Progetti in cantiere, invece?

Sicuramente un full album.

Nel salutarvi e nel ringraziarvi, vi lascio l’ultimo spazio per dare ai nostri lettori tutti i link attraverso i quali poter restare in contatto con voi e la vostra musica (Facebook, Twitter, etc).

Il nostro sito ufficiale è www.stanleyrubik.com. Potete anche seguirci attraverso la nostra pagina facebook www.facebook.com/stanleyrubikband
E anche su Twitter, se capissimo come funziona! :D

Stanley Rubik 00_bjpg

Tag:, ,

No Comments
Story Page