close
Breaking news

Oggi sarebbe stato il compleanno di un grande drammaturgo francese, avrebbe com...read more Vorresti far vedere a tutti quanto ti diverti insieme ai tuoi amici o familiari ...read more Appassionati di Holly e Benji? Klab ha annunciato poche ore fa che la pre-regist...read more È morto a 64 anni Malcolm Young, chitarrista e cofondatore degli AC/DC. Ad ann...read more Crozza-Mattarella piange nel dopo partita Italia-Svezia: “Siamo una chiavica!...read more Shyla Stylez, nota pornostar canadese, protagonista di varie parodie a luci ros...read more Vittima da giorni di un’emorragia alle corde vocali, Shakira ha annunciato il ...read more Il suo numero finisce in onda su Canale 5  durante la fiction “Rosy Abate...read more Il lancio di Football Manager 2018, avvenuto il 10 novembre scorso, è stato il ...read more Il figlio di Marco Travaglio, Alessandro, ha detto al padre che ha firmato un co...read more

“La musica è un’arma molto potente” – Intervista a Mr. Phil

MR.PHIL 2 (Custom)

Il 4 Febbraio è uscito “Poteri Forti”, il nuovo album di MR. PHIL. 22 tracce esclusive prodotte interamente dal Dj/Producer di origine britannica che vedono la collaborazione di molti fra i nomi più importanti dell’Hip Hop italiano. MR. PHIL è riuscito a creare un collegamento importante tra la vecchia e la nuova scuola dell’Hip Hop italiano, dando spazio a mostri sacri come Danno & Masito (Colle Der Fomento), Primo (Cor Veleno), Bassi Maestro, Ice One, Amir, Turi, creando strumentali su misura per artisti ormai affermati e acclamati dalle nuove generazioni come il re del freestyle Ensi e il talentuoso storyteller Ghemon.

Partiamo dal titolo dell’album. Poteri forti: semplice provocazione, complottismo o c’è (anche) un altro significato?
Un po’ tutte queste cose. Una provocazione perchè quando e iniziata a girare la grafica del disco con il titolo tanti non capivano se era una cosa pro o contro i ‘poteri forti’. Chiaramente il mio è un disco di denuncia contro quello che sta succedendo oggi. Poi ovviamente ho voluto anche giocare sul fatto che ho chiamato tantissimi talenti nell’album, quindi giocare sul gioco di parole. Appunto il concetto dell’usare i nostri poteri contro i poteri forti.

In una scena in cui chi si dedica a questa musica fa quasi un disco all’anno, tu rappresenti un’eccezione. Con questo, in quindici anni, sono tre album e l’ultimo è datato addirittura 2006. Dove sei sparito ultimamente?
Mi sa che sbagli a fare i conti ehehehehe. Il mio primo album (Amir&Mr.Phil-Naturale) e uscito nel 2004. Quindi 9 anni fa….nn 15! Poi dal 2004 al 2006 ho fatto uscire 4 album+1 Ep interamente prodotti dal sottoscritto (Naturale, Kill Phil, Musica Seria, Piu Forti Delle Bombe Ep, Guerra Fra Poveri), piu decine di beat in progetti vari di altri artisti. Poi nel 2006 mi sono un po’ allontanto dalle produzioni per vari motivi. Un po’ perche nn mi sentivo ispirato dalla scena che mi circondava, un po’ per problemi di vita personali, e un po’ perchè ho aperto un attività commerciale che mi ha portato quasi all’esaurimento. Detto questo io comunque ho sempre continuato a suonare tantissimo in giro con il mio djset. Avevamo anche tirato in piedi un progetto chiamato Once Were Warriorz insieme a Bassi, Shocca, Double S e Masta5. Insomma…allontanato ma non sparito ;)

Mi piace quando un artista di una certa importanza nel proprio disco dà spazio a realtà nuove e interessanti. Nel tuo ce ne sono davvero parecchie. Come hai scelto i featuring?
Mi sono guardato intorno. Ho contatto chi mi circondava in quel periodo. Ho contatto anche artisti con cui avevo gia lavorato in passato ed ho chiesto consigli a persone a me vicine per indicarmi qualche talento emergente.

C’è anche Baby K. Una delle poche female rapper che abbiamo in Italia, o meglio una delle poche che sta riuscendo a ottenere risultati importanti (non dimentichiamo neanche Loop Loona, presente anche lei). Credi sia più difficile emergere in questo ambiente per le donne?
E una domanda che forse dovresti fare a loro, però per come la vedo io penso che sia molto piu difficile emergere se sei una donna. Se da una parte hai molta meno concorrenza, dall’altra parte basta leggere i commenti sotto i video di tante ragazze mc per capire da cosa vengono spesso giudicate.

All’interno dell’album, c’è anche qualche tuo collega produttore (per citarne due a caso, Bassi e Shocca). Com’è nata la collaborazione con loro?
Con Bassi e Shocca c’è un rapporto di grande amicizia e stima reciproca. Per me è un onore lavorare ed essere amico loro. Li ho conosciuti entrambi durante i miei anni ‘milanesi’ alla fine dei anni ’90…quindi ormai sono parecchi anni che ci frequentiamo. Sono collaborazioni che nascono in modo spontaneo, da una chiccherata oppure da un sms.

La cosa che più mi ha incuriosito è il fatto che hai riunito insieme non solo il meglio della scena romana, ma ci sono addirittura esponenti importanti provenienti da ogni parte della penisola (Ensi, Fuossera, etc). Quanto è difficile (o facile, dipende) mettere insieme molti Mc’s così diversi? (p.s. che il rap – e la musica in generale – è un linguaggio universale non è considerata una risposta valida)
Ho la fortuna di conoscere tanti artisti in tante parti diverse d’Italia. Ovviamente prediligo il rap Romano, ma detto questo ci sono tantissimi talenti in tutta la penisola. Quando ho messo insieme la wishlist di artisti con cui avrei voluto lavorare nn mi sono posto il problema della distanza, che ormai è un problema relativo grazie a internet.

Immagine anteprima YouTube

I
n molti sono concordi nell’indicare la strofa di Danno in Poteri Forti come quella che più fa percepire la voglia di rivoluzionare le cose, rovesciare la piramide. Quanto credi possa incidere la musica in questo o, almeno, possa riuscire svegliare qualche coscienza dormiente?
Che la musica sia un catalizzatore lo sanno tutti. La musica è molto potente come ‘arma’, e non è casuale che la title track dell’album sia stata affidata a 4 mostri sacri del rap italiano. Il messaggio è arrivato forte e chiaro. Quel pezzo e la title track (‘Poteri Forti’) non solo di nome, ma anche di fatto, riassumono perfettamente il concetto stesso del disco.

Questa è una domanda che faccio spesso ai producer. Hai iniziato diversi anni fa e il processo di produzione di un beat, per stare al passo con i tempi, si è per forza di cose evoluto. Ti chiedo in che modo, e se c’è qualche “attrezzo” del mestiere che continui ad usare ancora oggi, nonostante magari possa essere considerato ormai “d’epoca”.
Per dirtla tutta io non mi sono evoluto per niente. Io tutt’ora produco, mixo e registro come facevo 10 anni fa. Akai s950 + mixer + cubase. E’ tutto quello che mi serve. Se il mio metodo lavorativo può sembrare anitquato non me ne frega nulla, io amo lavorare in questo modo, e faccio musica perchè adoro farla. Punto.

Underground, mainstream e derivati. La scena hip hop di oggi sembra quasi diventata una faida tra chi preferisce (o non può fare altrimenti) avere un pubblico di nicchia e chi, invece, punta a raggiungere anche il pubblico più improbabile per questo genere (e quindi, viene spesso etichettato come venduto). Che idea ti sei fatto in merito? Pensi – come me – che bisognerebbe giudicare un artista o un prodotto per quello che è indipendentemente dal pubblico a cui si riferisce?
Assolutamente. La musica si deve fare perchè si vuole farla. Senza pensare al dopo. Fai beat perchè hai una passione per la musica. Fai l’mc perche hai qualcosa da dire. Se invece fai musica senza portare rispetto ad essa, oppure la utilizzi solo come mezzo per un fine egocentristico allora hai perso in partenza. Sono sicuramente scelte personali, e ognuno fa come preferisce, ma personalmente faccio la mia musica: se piace bene, altrimenti pazienza! Poi questi discorsi ‘commerciale vs underground’ sono tutti discorsi di una noia e banalità allucinante. Per come la vedo io la differenza sta in musica fatta bene e musica fatta male. Per il resto stiamo parlando di gusti personali quindi possiamo stare qui giorni interi a discutere, ma nn cambierà il fatto che ognuno ha gusti diversi. Ascolta quello che ti piace, e non ascoltare quello che non ti piace. Semplice.

Tornando alle cose serie. Dobbiamo aspettare altri sei\sette anni per avere un altro tuo disco?
Ahhaahahha…no no…anzi…sto gia lavorando ai prossimi 2 progetti post Poteri Forti ;)

Poteri forti sarà in tour?
Assolutamente sì. Il 2 Marzo al Big Bang siamo partiti con la presentazione ufficiale a Roma, dopodichè ci saranno diverse tappe in giro per l’Italia.

Bene, siamo giunti al termine. Ti saluto e ti ringrazio per il tempo concessoci e ti lascio tutto lo spazio di cui hai bisogno per linkarci i tuoi contatti sul web (sito, social network, e via dicendo).
Grazie per il supporto e lo spazio che mi avete dato. Grazie ai vostri lettori, e vi ricordo che Poteri Forti è disponibile su iTunes oppure si può ordinare su www.mrphil.it. Cercate Mr.Phil su Facebook ;)

Tag:, ,

No Comments
Story Page