close
Breaking news

Vorresti far vedere a tutti quanto ti diverti insieme ai tuoi amici o familiari ...read more Appassionati di Holly e Benji? Klab ha annunciato poche ore fa che la pre-regist...read more È morto a 64 anni Malcolm Young, chitarrista e cofondatore degli AC/DC. Ad ann...read more Crozza-Mattarella piange nel dopo partita Italia-Svezia: “Siamo una chiavica!...read more Shyla Stylez, nota pornostar canadese, protagonista di varie parodie a luci ros...read more Vittima da giorni di un’emorragia alle corde vocali, Shakira ha annunciato il ...read more Il suo numero finisce in onda su Canale 5  durante la fiction “Rosy Abate...read more Il lancio di Football Manager 2018, avvenuto il 10 novembre scorso, è stato il ...read more Il figlio di Marco Travaglio, Alessandro, ha detto al padre che ha firmato un co...read more È il giorno di Football Manager 2018. O meglio, lo sarà a partire da mezzanot...read more

Intervista agli Hello Mexico

Hello Mexico 2
Capita a tutti di trovare una band che ancora non è molto conosciuta sui vari canali YouTube, su Spotify e simili. Anche a me è capitato così e questa volta è stato amore al primo ascolto. Questa volta è capitato agli Hello Mexico, una band ambient rock di Londra.
Il gruppo è formato da Myles PereiraNick CalafatoJohn MartinelliDaniel Mayers Gulli Gunnarsson. La band ha al suo attivo due EP e un singolo.
Il loro primo EP “Five Twenty Seven” presentava forti contaminazioni dal mondo progressive. Nel maggio 2011 la band ha rilasciato il loro EP “Hello Mexico” ancora in Free Download sul loro sito.
Ora la band sta lavorando al loro terzo EP e noi abbiamo avuto la fortuna di poterli intervistare.

 

Prima domanda: Chi sono gli Hello Mexico? Introducetevi ai vostri amici italiani.
Siamo dei ragazzi che vengono da Londra/Islanda che hanno iniziato a scrivere musica qualche anno fa e che ancora continuano. Abbiamo avuto un paio di cambi nella line-up della band e ora siamo pronti a rilasciare il nostro terzo EP.
Hello Mexico 1Quali sono state le vostre influenze?
Le nostre influenze vengono da tutte le parti, dato che tutti noi abbiamo dei background musicali e gusti differenti. Uno dei fattori fondamentali è che un nostro membro è Islandese e questo aggiunge molto al nostro sound. Abbiamo iniziato subito con la musica Rock e quando siamo cresciuti siamo riusciti ad espandere i nostri gusti. Dalla prospettiva di una band rock, noi siamo sempre stati influenzati da artisti come Thrice, che sono riusciti a tenere la loro integrità dopo ogni rilascio di album e sono riusciti a far evolvere il loro sound. Artisti come Olafur Arnalds Sigur Ros sono di ispirazione per noi per il loro modo di evocare emozioni con la semplicità. Ci piace pensare che riusciamo a prendere la parte migliore di tutti i generi musicali e combinarli insieme per il nostro sound. I nostri gusti musicali continuano a cambiare, e penso che sia una buona cosa siccome ci tiene con i piedi per terra e ci da una mano a scrivere nuova musica. Al momento stiamo introducendo più suoni elettronici nella nostra musica, aggiungendo Synth e bassi per aiutarci nei live. Abbiamo aggiunto, recentemente, un nuovo batterista che ha portato una nuova atmosfera al nostro suonare. Ciò significa che possiamo sia andare in modo più “complesso” sulla batteria o rimanere nel modo tranquillo. Altri artisti che ci hanno aiutato sono i Bonobo, Active Child e gli Evenings che ci hanno aiutato ad uscire dalla zona comfort di essere solo una Rock band.
Avete fatto una cover di Duality degli Slipknot, come vi è venuta l’idea di fare una cover di una canzone di un genere completamente diverso dal vostro?

Abbiamo avuto per un po’ l’idea di fare una cover, siamo arrivati a scegliere un paio di artisti come Phil CollinsThe Smiths e anche i Take That, ma alla fine abbiamo optato per Duality degli Slipknot. Siamo cresciuti con suoni più “pesanti” e tutti noi amiamo gli Slipknote abbiamo capito che sarebbe stata la canzone perfetta da coverizzare dato che non abbiamo per niente lo stesso sound. Siamo finiti a registrarla con il nostro amico Nick Scholey, in Scozia durante una notte passata a bere il che ha reso la cosa ancora più surreale. Il feedback che abbiamo ricevuto è stato grandioso, soprattutto quando i fan degli Slipknot hanno espresso il loro parere, chi definendola una cosa geniale e chi non apprezzandola, raggiungendo così il nostro obiettivo.
Siccome il nostro sito parla anche di film e serie TV, quali sono i vostri preferiti?

resize_1328726292

 

Penso che si possa confermare che Breaking Bad è la miglior serie mai creata e non riusciamo ad aspettare che escano i rimanenti otto episodi! C’è addirittura un poster di Heisenberg nell’appartamento di Gulli Nick dedicato alla serie. Io guardo anche Criminal Minds che amo perché è basato sul creare profili e rintracciare i vari Serial Killer. Con Gulli lavoravamo durante le Olimpiadi di Londra e siamo riusciti a vederci tutte le stagioni di 24. Gulli è riuscito ad avere i biglietti per la prima fila dell’incontro di pallanuoto femminile.
Ultima domanda: quali sono i piani futuri per gli Hello Mexico?
Al momento siamo nella fase di missaggio e masterizzazione delle canzoni per il nostro nuovo EP che speriamo riusciremo a rilasciarlo presto e siamo molto entusiasti di questo.  Sono passati un po’ di anni dal nostro ultimo EP e vogliamo far vedere a cosa abbiamo lavorato. Siamo riusciti a migliorare il nostro sound e non vedo l’ora di farlo sentire a tutti e di fare qualche live con queste canzoni nella scaletta.
Grazie per aver risposto a tutte le domande! Ci vedremo in Italia, giusto?
Speriamo! L’Italia è davvero un posto fantastico, vogliamo scoprire ancora diverse città e magari avere una possibilità di suonare la nostra musica lì. Personalmente, poi, sono diventato assuefatto dagli arancini, dall’ultima che son stato in Italia. Ho bisogno di mangiarne ancora!
Questi sono i link per trovare gli Hello Mexico:
Nella pagina successiva c’è l’intervista in inglese.
No Comments
Story Page