close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

“Il jazz ti parla del potere di adesso. Non c’è sceneggiatura, è conversazione”: Wynton Marsalis e il “bummp, chhh, bummp, chhh”

imageLessi questo libro quasi un anno fa, giorno più giorno meno. Un periodo molto strano, pieno d’innovazioni e risvegli, come solo la primavera può esserlo. Lessi questo libro dopo circa un anno dal suo acquisto. Lo regalai a mio padre, datato amante del Jazz. Ma conosco mio padre: sempre a lavoro; e, nel tempo libero, <<guarda sua moglie>>, come direbbe l’anziano contadino di Basilicata Coast to Coast.  Diciamo che è più un tipo d’ascolto, che da lettura. Ma questa, è un’altra storia.

Ergo, come facilmente potrete intuire, non lesse il libro. In compenso, lo raccolsi io dal suo comodino, ed iniziai a sfogliarlo. Davvero poche volte nella mia vita mi è capitato di fare scelte così argute. Non ero un guru di questa musica che è evoluzione, e non lo sono neanche ora; ma, sicuramente, ho concesso al mio orecchio di scorgere tesori meravigliosi, dorati, ambratamente velati, dal sapore di ebano. Ho scoperto Wynton Marsalis, e il suo Come il Jazz può cambiarti la vita. 

Si inizia con Wynton adolescente, innamorato; si percorre passo passo il suo cammino musicale, e non solo; si assapora il beat dello swing, la melanconia del blues e, infine, l’onnipresenza del jazz. Scorre i suoni e le storie dei grandi, raccontandone le debolezze, le volontà, le bellezze: Miles Davis, John Coltrane, Duke Ellington, Charlie Parker, Thelonius Monk e tanti altri. È un saggio Virgilio, in questa scampagnata tra le colline lussureggianti e ombreggiate di dimuiti, cromatismi, tinte forti, ma sfumate. Consiglia, suggerisce, cita brani, canta, suona storie. Incita chi legge a prendere in mano uno strumento, e ad iniziare il viaggio. Insegna la sacra regola del jazz: il rispetto, fondamento solido e imprescindibile di qualsiasi gruppo, famiglia, società, Stato, coppia.

imageSale e scende scale e sfiora corde che nemmeno sappiamo di avere; risveglia in chi lo legge un istinto di umanità, e quindi, d’armonia, di musica.

Non state a casa, oggi: uscite, e invece di spendere 10 euro in trucchi, videogiochi, preservativi, pizze e magliette, comprate questo libro. Tornate a casa, poi, oppure sedetevi su una panchina. Aprite il libro, assaporate il profumo del jazz, calatevi nel suo sentimenatal mood. Vi cambierà la giornata. E, chi lo sa, magari anche la vita.

Tag:, , ,

No Comments
Story Page