close
Breaking news

L’artista sarà sul palco dell’Ariston anche in veste di direttore a...read more Messico, ucciso assistente di produzione di ‘Narcos’: cercava locati...read more L’1 settembre uscirà il nuovo attesissimo album di Ensi, dal titolo V. Qu...read more Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more

Il Disco: un piccolo sogno di nove scene Blu

imageLa musica scorre nelle orecchie, mentre il tè caldo, al limone, emoziona le miriadi di papille sparse per la lingua. E non solo esse sono sollecitate, sorprese piacevolmente: qualcosa, all’interno del padiglione auricolare, delle celate sinapsi, delle profonde corde del cuore, si muove. Se dovessi dare un nome a quel fluido flusso che scorre, mentre il piede non può far a meno di ticchettare a momenti alterni il pavimento, non sapresti farlo: e allora, cos’è?
È Jazz.

Ma non un Jazz così: è un Jazz che viene sospinto dalla libera giovinezza dello Swing, dalla sensualità di un cajon a ritmo latino, di fiati dorati, vibrafono ed archi carezzevoli, chitarre sorridentemente manouche, contrabbasso deciso, ma dolce. Ha l’odore di un vecchio scantinato, di fumo denso, di sorrisi soffusi e cenni del capo consenzienti. Ha la consistenza di un vicolo debolmente illuminato, di una gonna a balze che gira, e che si ferma, ma solo per riprendere il tempo, per rivoltarsi in ancor mille capriole variopinte. L’atmosfera che Federico De Zottis (saxofoni), Andrea Leone (chitarre – ukulele), Domenico Laterza (chitarre – mandolino – voce), Andrea Pistorio (contrabbasso), Marco Paretti (percussioni), Clodiana Fuga (voce), Davide Abbati (voce) e l’immensa schiera di musicisti che hanno collaborato alla realizzazione dell’album d’esordio che porta il significativo titolo di “Il Disco”, è degna della più rilassata serenità ed apertura mentale, spirituale. 

imageCome ogni percorso musicale che si rispetti, anche “Il Disco” invita ad un viaggio, verso un posto che è più vicino di quanto si pensi: il nostro mondo interiore, il mondo che ha l’uomo come osservatore, che sembra così oscuramente celato, ed invece, si trova proprio lì, sotto il nostro naso.

Non solo musica: testi introspettivi fanno da corollario alle storie infinite che la musica racconta, a passo variabile. Molteplici le influenze: quali? Tutto ciò che questi giovani hanno assaporato coi denti, le mani, gli occhi, i piedi e le orecchie. Un vortice di sensazioni trascina l’ascoltatore, che si mette comodo, e lascia che le orecchie siano culla di quelle note, di quelle parole dal sapore antico, speziate di modernità.

I Blu Klein, attivi nella cara Mediolanum da fine 2011, oggi, ci insegnano un grande lezione: per viaggiare, per conoscere gli altri, per guardare noi stessi, per ascoltare il mondo, non ci vuole Mastercard, ma un bel Disco, e immensa voglia di lasciarsi andare.

Il Disco è in vendita su iTunes, e in ascolto libero su Bandcamp: assaporatelo.

No Comments
Story Page