close
Breaking news

Ecco la lista completa dei film presenti alla 73esima Mostra del Cinema di Venez...read more   Un nuovo titolo nel programma della 73. Mostra: L’uomo che non cambiò la s...read more   “The Rockers” è il nuovo album della stella del reggae mond...read more Finalmente pubblicata la canzone di Florence + The Machine scritta per il nuovo...read more La 73.ma edizione del Festival di Venezia segna anche il ritorno alla regia, c...read more 22 settembre. L’estate è finita ufficialmente. E su questo non ci piove....read more Orfani di Grido, i Gemelli DiVersi sono tornati in pista. Di seguito il video e ...read more   En?gma – Rapa Nui (Prod. By Wsht) Rapa Nui è il terzo singolo est...read more “Curriculum” è il primo singolo estratto da “Canzoni per met...read more “Dal Basso“, fuori ora il nuovo video di Emis Killa estratto dal suo nuovo a...read more

I Mostri, fuori il nuovo album di Chiazzetta dal punk al raggaeton in 14 tracce

Un indegno miscuglio dei generi più disparati”. Così l’autore, il musicista Gabriele Graziani in arte Chiazzetta definisce il suo nuovo album I Mostri (La Grande Onda / La Zona / Made In etaly).

C’è della house e della techno, dell’industrial, più di una sottocategoria di punkrock, qualche spruzzatina di metal, un bel po’ di rumore sparso qua e là, tanto acustico indie e addirittura il raggaeton.

L’album può essere diviso in tre linee principali: la prima quella intimista cantautorale (La guerra dentro, Sissi); la seconda quella punk rock con influenze indie che va da pezzi più Ramones come (Mi frantumo), a un suono più Anni ‘90 (Non è reale) fino a brani come Se ti rifai influenzati da gruppi punkrock contemporanei come i Bayside, che in italia non consoce quasi nessuno. La terza ed ultima prospettiva è quella “matta”, che, da una parte, prende queste prime due linee e le mischia in infinite combinazioni (Un’altra possibilità) e dall’altra usa la musica per creare un’atmosfera, una colonna sonora di quello che racconta il testo (Tutto inutile, I mostri) talvolta usando in maniera parodistica stereotipi di generi musicali (come Maledetta che usa lo stile della tipica canzone per mettere in scena la disperazione durante una festa) e Mio padre che è un pezzo “tamarro”.

Una sintesi curiosa fatta dall’artista per definire il suo album è: “Da Marilyn Manson a De Andrè, passando per i NoFx e la dance Anni ’90”.

Tag:, ,

No Comments
Story Page