close
Breaking news

Ecco la lista completa dei film presenti alla 73esima Mostra del Cinema di Venez...read more   Un nuovo titolo nel programma della 73. Mostra: L’uomo che non cambiò la s...read more   “The Rockers” è il nuovo album della stella del reggae mond...read more Finalmente pubblicata la canzone di Florence + The Machine scritta per il nuovo...read more La 73.ma edizione del Festival di Venezia segna anche il ritorno alla regia, c...read more 22 settembre. L’estate è finita ufficialmente. E su questo non ci piove....read more Orfani di Grido, i Gemelli DiVersi sono tornati in pista. Di seguito il video e ...read more   En?gma – Rapa Nui (Prod. By Wsht) Rapa Nui è il terzo singolo est...read more “Curriculum” è il primo singolo estratto da “Canzoni per met...read more “Dal Basso“, fuori ora il nuovo video di Emis Killa estratto dal suo nuovo a...read more

I glitter: come brillare fino a Marte

Per la serie “viva la sobrietà”, oggi parliamo di glitter. Vi giuro, io li amo. Io immergerei tutto il mio corpo nei brillantini, vorrei vivere in una casa di brillantini. Vorrei brillare, sempre. Ma a parte me, parliamo di make up.

Nel make up i glitter sono sempre stati un po’ tacciati per “too much”, troppo insomma. Per questo sono sempre stati utilizzati in occasioni dove l’esagerazione è concessa, ergo Carnevale o Halloween. Ma quest’anno ce li siamo ritrovati ovunque, persino nel reggiseno (letteralmente). Sfido chiunque a dirmi che non ha indossato qualcosa – anche un solo dettaglio – coi glitter, perché non ci crederò né ora, né nel duemilamai.

Il make up, dicevamo? Esistono diversi prodotti per brillare fino a Marte. Tra questi, gli ombretti shimmer (letteralmente “luccicanti”) che rilasciano micro brillantini una volta stesi sull’occhio. Poi ci sono i miei preferiti, i glitter puri, in polvere. Per applicarli, però, è necessaria una base o colla sulla palpebra per poi applicarci sopra i glitter che aderiranno a questa base “appiccicosa” (tamponandoli con un pennello piatto sintetico col dito). I glitter più veloci e più comodi sono quelli in gel. Si applicano direttamente con lo scovolino del tubetto. Quando si asciugano stanno lì, fissi, immobili.

Per le labbra, il trend dei brillantini sul rossetto si è scatenato da quando Levante, la cantante sicula – giudice ad X Factor- una sera si presentò con un rossetto rosso scuro e brillantini tono su tono. Apocalittici.

Scomodissimi se si esce per andare a mangiare o bere, ma molto figo se si va a ballare, soprattutto su chi ha delle labbra carnose. Come ricrearlo? Semplicemente, dopo aver applicato un rossetto (si preferirebbe una tinta labbra) si tampona col dito la base per glitter e sopra i brillantini puri in polvere. Usate quelli più fini e sottili che avete, perché quelli più grossolani danno molto fastidio!

Credo, però, che l’invenzione più geniale degli ultimi tempi, siano stati i “topper”. Si tratta di lucidalabbra che si asciugano e non restano appiccicosi. Sono pensati proprio per indossarli sopra altri rossetti. Ed ovviamente esistono quelli effetto glitter. Cercateli e comprateli. Diffondete il verbo insomma.

Tag:, , , ,

No Comments
Story Page