close
Breaking news

Vorresti far vedere a tutti quanto ti diverti insieme ai tuoi amici o familiari ...read more Appassionati di Holly e Benji? Klab ha annunciato poche ore fa che la pre-regist...read more È morto a 64 anni Malcolm Young, chitarrista e cofondatore degli AC/DC. Ad ann...read more Crozza-Mattarella piange nel dopo partita Italia-Svezia: “Siamo una chiavica!...read more Shyla Stylez, nota pornostar canadese, protagonista di varie parodie a luci ros...read more Vittima da giorni di un’emorragia alle corde vocali, Shakira ha annunciato il ...read more Il suo numero finisce in onda su Canale 5  durante la fiction “Rosy Abate...read more Il lancio di Football Manager 2018, avvenuto il 10 novembre scorso, è stato il ...read more Il figlio di Marco Travaglio, Alessandro, ha detto al padre che ha firmato un co...read more È il giorno di Football Manager 2018. O meglio, lo sarà a partire da mezzanot...read more

“I frutti della Terra” di Hamsun

imageSiamo nel lontano 1917 quando viene pubblicato Markens Grøde , del futuro premio Nobel del 1920 , Knut Hamsun , scrittore norvegese vissuto a cavallo tra i secoli precedenti il nostro.
Dalla selvaggia terra alla costituzione di un piccolo patrimonio semi-industrializzato, da una vita naturale ad una che si scontra con echi, sempre lontani, dei lussi e dei modi vivendi dell città, dall’amore campestre senza sovvertimenti al dubbio perenne dell’incrociare volti e sguardi diversi. Dall’uomo di terra a quello di metallo, dal cuore incondizionato alla mente sopraffatta da pensieri di cui disconosciamo la reale importanza. Questo, e molto altro ancora, è I Frutti della Terra: opera non sempre compresa, né adeguatamente gustata per via del suo dir aspro, secco, ma che, coscenziosamente meditata, rivela il linguaggio più conforme alla narrazione dei fatti in questione. Lo amerete, lo odierete, ne sarete indifferenti?
Chi lo sa, intanto, eccone un saggio:

«Da generazioni e generazioni, a memoria d’uomo, i suoi, di padre in figlio, avevano seminato grano. Era una sera tranquilla e tiepida, un po’ intrisa di pioggia; le oche selvatiche erano appena migrate.
La coltivazione della patata è una coltivazione moderna, che non ha nulla di mistico, nulla di religioso; si può lasciare la cura di piantarle alle donne e ai bambini; sono straniere, le patate, come il caffè. Certo, esse danno un efficacissimo alimento; ma hanno alcunché del caolo rapa. Invece il grano, è nientemeno che il pane; aver del grano o non averne, significa la vita o la morte.»

Tag:, , ,

No Comments
Story Page