close
Breaking news

Ecco la lista completa dei film presenti alla 73esima Mostra del Cinema di Venez...read more   Un nuovo titolo nel programma della 73. Mostra: L’uomo che non cambiò la s...read more   “The Rockers” è il nuovo album della stella del reggae mond...read more Finalmente pubblicata la canzone di Florence + The Machine scritta per il nuovo...read more La 73.ma edizione del Festival di Venezia segna anche il ritorno alla regia, c...read more 22 settembre. L’estate è finita ufficialmente. E su questo non ci piove....read more Orfani di Grido, i Gemelli DiVersi sono tornati in pista. Di seguito il video e ...read more   En?gma – Rapa Nui (Prod. By Wsht) Rapa Nui è il terzo singolo est...read more “Curriculum” è il primo singolo estratto da “Canzoni per met...read more “Dal Basso“, fuori ora il nuovo video di Emis Killa estratto dal suo nuovo a...read more

“I frutti della Terra” di Hamsun

imageSiamo nel lontano 1917 quando viene pubblicato Markens Grøde , del futuro premio Nobel del 1920 , Knut Hamsun , scrittore norvegese vissuto a cavallo tra i secoli precedenti il nostro.
Dalla selvaggia terra alla costituzione di un piccolo patrimonio semi-industrializzato, da una vita naturale ad una che si scontra con echi, sempre lontani, dei lussi e dei modi vivendi dell città, dall’amore campestre senza sovvertimenti al dubbio perenne dell’incrociare volti e sguardi diversi. Dall’uomo di terra a quello di metallo, dal cuore incondizionato alla mente sopraffatta da pensieri di cui disconosciamo la reale importanza. Questo, e molto altro ancora, è I Frutti della Terra: opera non sempre compresa, né adeguatamente gustata per via del suo dir aspro, secco, ma che, coscenziosamente meditata, rivela il linguaggio più conforme alla narrazione dei fatti in questione. Lo amerete, lo odierete, ne sarete indifferenti?
Chi lo sa, intanto, eccone un saggio:

«Da generazioni e generazioni, a memoria d’uomo, i suoi, di padre in figlio, avevano seminato grano. Era una sera tranquilla e tiepida, un po’ intrisa di pioggia; le oche selvatiche erano appena migrate.
La coltivazione della patata è una coltivazione moderna, che non ha nulla di mistico, nulla di religioso; si può lasciare la cura di piantarle alle donne e ai bambini; sono straniere, le patate, come il caffè. Certo, esse danno un efficacissimo alimento; ma hanno alcunché del caolo rapa. Invece il grano, è nientemeno che il pane; aver del grano o non averne, significa la vita o la morte.»

Tag:, , ,

No Comments
Story Page