close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

“I frutti della Terra” di Hamsun

imageSiamo nel lontano 1917 quando viene pubblicato Markens Grøde , del futuro premio Nobel del 1920 , Knut Hamsun , scrittore norvegese vissuto a cavallo tra i secoli precedenti il nostro.
Dalla selvaggia terra alla costituzione di un piccolo patrimonio semi-industrializzato, da una vita naturale ad una che si scontra con echi, sempre lontani, dei lussi e dei modi vivendi dell città, dall’amore campestre senza sovvertimenti al dubbio perenne dell’incrociare volti e sguardi diversi. Dall’uomo di terra a quello di metallo, dal cuore incondizionato alla mente sopraffatta da pensieri di cui disconosciamo la reale importanza. Questo, e molto altro ancora, è I Frutti della Terra: opera non sempre compresa, né adeguatamente gustata per via del suo dir aspro, secco, ma che, coscenziosamente meditata, rivela il linguaggio più conforme alla narrazione dei fatti in questione. Lo amerete, lo odierete, ne sarete indifferenti?
Chi lo sa, intanto, eccone un saggio:

«Da generazioni e generazioni, a memoria d’uomo, i suoi, di padre in figlio, avevano seminato grano. Era una sera tranquilla e tiepida, un po’ intrisa di pioggia; le oche selvatiche erano appena migrate.
La coltivazione della patata è una coltivazione moderna, che non ha nulla di mistico, nulla di religioso; si può lasciare la cura di piantarle alle donne e ai bambini; sono straniere, le patate, come il caffè. Certo, esse danno un efficacissimo alimento; ma hanno alcunché del caolo rapa. Invece il grano, è nientemeno che il pane; aver del grano o non averne, significa la vita o la morte.»

Tag:, , ,

No Comments
Story Page