close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

Hiko: "Per un produttore è importantissimo ascoltare generi musicali diversi. E’ come andare a scuola"

A cura di Adriano Costantino

HIKO , Dj da oltre 20 anni e produttore musicale dal ’97, è fra i fondatori della Storica Crew Bolognese ORROR VACUI. Cultore della Musica Nera e dei Vinili, ha partecipato a Dischi Importanti nel Panorama Musicale. Nel 2012 lancia il suo primo Disco da solista al fianco di Layla Jallow e MichaSoul. Un Disco Funk-Soul, che lo vede produttore a tutto tondo di un grandioso progetto dinamico ed eterogeneo. Ha risposto a qualche domanda per noi, vediamo di conoscerlo meglio!

 

Hiko, parlaci un po’ di te. Come, quando e perché sei sbarcato nella scena italiana?

Quando arrivai a Bologna nel ’96 trovai molti amici, che ascoltavano la mia stessa musica: funk, rap, jazz e tutto quello che ci faceva e ci fa stare ancora bene. Facevo il dj e l’mc. Provavo a fare il rap da un po’ e mi venne proposto di entrare nella Crew Orror Vacui  come MC. Poi conobbi Fede, che dopo essere entrato nella crew, fondò con me il gruppo Cypher Funk. Solo quando conoscemmo Mastino fondammo il gruppo Orror Vacui Gooverz. Suonammo in varie manifestazioni molto serie come il Flava of the Year, 10 anni di Zona Dopa, il 2the Beat  e in un sacco di altri eventi. Intanto io producevo i beat che usavamo per i nostri demo, rigorosamente in cassetta. Lavoravo con un campionatore akai s950 e un computer atari che usavo come sequenze. Andava a floppy disk, ora mi sembra preistoria. A Bologna naturalmente ebbi modo di conoscere un sacco di personaggi carismatici della scena Hip Hop italiana. Frequentando Zona Dopa tutti i sabati era inevitabile, devo dire grazie a molte persone che mi hanno insegnato e dato tanto. Loro sanno chi sono e non ho bisogno di scrivere i loro nomi.

Tre aggettivi con i quali descriveresti  By the way you move.

Felice, pulito, poliedrico.

Com’è nata l’idea di un disco black?

Ascolto musica black da sempre, quindi questa è la musica che più ha segnato i momenti della mia vita influenzandomi anche nelle produzioni. L’idea di un disco del genere è nata anni fa, ma ammettevo a me stesso che non avevo le capacità per farlo. Non avevo conoscenze sulle produzioni musicali necessarie a fare un lavoro come By The Way You Move. Soprattutto, non conoscevo cantanti come Layla Jallow e Micha Soul, per non parlare di Funky Carlo, il saxofonista che ha partecipato con un assolo di sax sul pezzo “Properly”. Carlo suona il sax anche nei nostri live, aggiungendo spessore e qualità alle performance. Abbiamo una formazione dj, voce, saxofono. Suggerisco di venire a vederci se avete occasione. Tutte le serate le segnalerò sul mio sito personale : www.hiko.altervista.orge !

 

Micha e Layla, due splendide voci, com’è stato lavorare con loro?

Quando dai una base a cantanti come loro, dopo due giorni ti inviano un provino che già andrebbe bene per essere inciso e danno un senso compiuto al tuo lavoro, rendendolo unico e professionale. La soddisfazione che ricevi ti spinge a completare il lavoro nel miglior modo possibile e a cercare la strada per migliorare.

Quant’è importante per un produttore ascoltare diversi generi musicali? E – quindi – ti chiedo anche: quali sono i tuoi gusti?

Per un produttore è importantissimo ascoltare generi musicali diversi. E’ come andare a scuola, dove studi l’italiano, la lingua straniera, la matematica, la storia e la geografia. Stessa cosa con la musica. Ci sono pezzi che sono la storia, stili diversi e generi diversi per ogni zona del mondo. Nella Musica Popolare, ad esempio, ci trovi la cultura di un popolo. Tutte queste conoscenze formano il “carattere musicale” tramite il quale dovresti riuscire a sviluppare uno “stile tuo” nel genere di musica che fai. Per quanto riguarda i miei gusti personali ascolto molto funk, P-funk, rap e r&b. Ma ascolto anche musica italiana, gruppi come gli AREA, i Goblin. Gruppi rock come i Led Zeppelin. Inoltre, mi piace anche il “Cross Over” e il “Metal Rap”.

Esiste qualche produttore a cui ti sei ispirato nel corso della tua carriera?

Certo : Ryan Lesley, Pharrell, Dogg Master, dj Battle Cat e molti altri.

Immagine anteprima YouTube

Se avessi la possibilità di produrre un album di un grande artista internazionale, chi sceglieresti?

Mi sarebbe piaciutocollaborare con il grandissimo Nate Dogg, che riposi in pace. Ora come ora, quello che vorrei ascoltare sulle mie produzioni è Snoop Dogg : naturalmente è un sogno.

Per chi ti segue già dagli anni ’90, è stata una piacevole sorpresa che tu sia uscito con un disco da solista. Ci sono possibilità che ne seguano altri?

Se Dio vuole, si! Sono già al lavoro su un progetto che vede come protagonista Layla Jallow, ma per ora non anticipo nulla.

Altri progetti per il futuro?

Ne riparlerei dopo il 2012. Per ora sono in giro con il live del disco! Se qualcuno volesse contattarmi può farlo alla pagina “ contatti” sul mio sito www.hiko.altervista.org ! Mi  trovate anche su http://soundcloud.com/, Youtube e Facebook. Buona vita a tutti.

Tag:, , , , , , , ,

No Comments
Story Page