close
Breaking news

Sei alla ricerca di un programma tv o di un film da guardare sul divano ma non ...read more Da oggi “Swoosh”, il primo singolo ufficiale di Dariè Baby, artis...read more Il rapper lancia il nuovo disco, in uscita il 26 giugno: «Lo definirei sobrio,...read more Leggere testi ad alta voce ed essere pagati per farlo. L’azienda di servi...read more Si intitola “Una voglia assurda” e uscirà venerdì “L...read more Aveva 51 anni e si trovava in Sicilia. Il ricordo dei colleghi: «Un grande per...read more ”Rabbia ed orgoglio dei dottori commercialisti verso le insinuazioni ...read more Torna Barbara Gilbo con la sua suadente e graffiante voce pop/rock e con un pez...read more Ideato da Tohru Iwatani, mentre guardava una pizza dopo averne mangiato la...read more Si chiama Avi Schiffmann e ha spiegato: “Non sono uno speculatore, non vo...read more

Google e company in ginocchio: la bomba DDoS più grande della storia del web

Google-Pulled-Down-By-Gravity-638x425

Stamattina (28/03/2013) è avvenuto qualcosa di particolarmente assurdo nel mondo della tecnologia, ma più specifico nel pazzo mondo di internet. Un attacco massiccio DDoS ha messo in ginocchio non un piccolo sito web o una piccola azienda bensì Google ed i servizi associati e collegati alla BigG, in particolare servizi come Gmail e Youtube sono andati KO per qualche ora.

L’obiettivo a quanto pare non si è fermato a Google, infatti sono stati colpiti anche i DNS di Telecom, non a caso molti clienti dell’azienda italiana riportava problemi di rallentamento ed in alcuni casi addirittura di assenza di segnale. Da poco però, anche grazie al cambiamento dei DNS (in molti hanno impostato quelli di Google 8.8.8.8) il problema è stato temporaneamente risolto, ad altri invece il problema persiste.

8390_487136478000775_1879837350_n

Al momento però sembra che tutto sia tornato alla normalità e tutti i servizi sono efficienti ed operativi al 100% con il ripristino regolare di tutte le funzioni forniti dalla BigG. Quest’ultima probabilmente coinvolta in qualcosa di più grande, una guerra (informatica) che in questi giorni si sta scatenando tra tue major come CyberBunker (gruppo olandese di web hosting) e la Spamhaus (divenuti famosi per aver ospitato in passato i server di Pirate Bay) per la supremazia. Questa rappresaglia informatica ha fatto scoppiare una bomba digitale da 300 Gigabit al secondo, capace di mettere KO anche Netfix e forse Twitter.

Il tutto sembrerebbe essere partito da una famigerata blacklist della Spamhaus che a loro avviso comprende una serie di siti web progettati per lo spam su internet, tra cui la CyberBunker. Colpiti quindi i DNS della Spamhaus, questi hanno scaturito rallentamento un po’ ovunque, Da parte sua la Cyberbunker però non ha nè confermato nè negato un coinvolgimento in tutta questa situazione.

Siamo certi però che questo sia uno degli attacchi massivi più potenti della storia del Web!

Tag:, , , , ,

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi