close
Breaking news

Ottime notizie per tutti coloro che hanno prenotato la standard edition di Fifa...read more Arriva la rivoluzione in casa Twitter dopo anni di annunci. Il celebre social h...read more L’artista sarà sul palco dell’Ariston anche in veste di direttore a...read more Messico, ucciso assistente di produzione di ‘Narcos’: cercava locati...read more L’1 settembre uscirà il nuovo attesissimo album di Ensi, dal titolo V. Qu...read more Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more

Fuossera: Napoli sotto i riflettori

La scena napoletana è sicuramente una delle più valide dello stivale. Cosang e Fuossera sono senza dubbio due elementi di spicco di tale realtà. Oggi, per restare in tema, parleremo dell’ultima fatica dei Fuossera: Sotto i riflettori.

Sotto i riflettori c’è, per l’appunto, Napoli. Non la Napoli dei pregiudizi e dei luoghi comuni. Un’altra Napoli: quella che resiste alle Istituzioni assenti e combatte contro il fardello della camorra.

Il disco è stato anticipato dal singolo Senza fine, uno dei più espressivi e significativi dell’intero album. Il tema è quello dell’emigrazione, osservata e trattata però da un punto di vista più ampio. Racconta, infatti, la storia di chi lascia a malincuore la propria terra. “Io volerò e me ne andrò, ma tornerò qui”.

Meritevole di singolar menzione è sicuramente Ipocrisia. Un pezzo di denuncia. Rime forti per quello che è il loro – e probabilmente della maggior parte di noi – pensiero sulla politica odierna. L’incipit di O’iank chiarisce e sintetizza il tutto: “Banda della Magliana, ‘ndrangheta, Sacra Corona Unita, mafia, camorra uguale: Stato!

Ovviamente, non poteva mancare il featuring con i CoSang, in un brano che racconta di un mondo senza eroi – come recita il titolo dello stesso pezzo – che porta a contare solo su se stessi. La collaborazione e riuscitissima, come le precedenti.

Tra i pezzi più interessanti segnalo – in ordine sparso, perché sarebbe davvero difficile fare una classifica -anche: Nun chiagnere, dove viene esaltata la figura femminile e la sua importanza nella vita di ogni uomo; Biografite che racconta la crescita di ogni essere umano e il modo di affrontare i cambiamenti che ne derivano; e Alza la testa, l’invito è semplice e diretto: alzare la testa, anche quando proprio non ce la fai e sembri non trovare motivazioni adatte per farlo.

Le collaborazioni sono molte e di spessore. Le produzioni portano le firme di Geeno, Dj Shablo, 2nd Roof, Luchè, P Eight, Mace e Granstà MSV. Tra i featuring, oltre i già citati CoSang, troviamo invece i Club Dogo (pezzo che invita a non farsi sopraffare dai mass-media e dalle altre forme d’informazione in genere), Corrado, Akey, Vjovine ed Enzo Padulano.

Il prodotto finale è molto interessante e ricco di spunti. I temi sono vari, per lo più attuali, e vengono arricchiti da un sound davvero piacevole (nota di merito, qui, va alle produzioni e ai produttori).

È solo il secondo album, ma i Fuossera dimostrano di aver già raggiunto un’ottima maturazione. Sotto i riflettori è chiara testimonianza che ormai il gruppo è parte integrante della scena italiana. La scelta di scrivere più testi in italiano – pur senza abbandonare l’idioma napoletano che li ha sempre contraddistinti – rispetto a quanto avveniva in passato, fa si che il loro pubblico sia sempre più ampio.

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

No Comments
Story Page