close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

A Messina finisce l’era dei “Buddaci” e inizia l’era del messinese e fiero: Renato Accorinti sindaco

renato sindacoLa vittoria dell’utopia, questo è accaduto ieri a Messina: ha vinto la gente che vuole cambiare il corso delle cose e che crede ancora in qualcosa. E’ finita l’era dei “Buddaci”, adesso inizia l’era del messinese e fiero.

Finalmente Messina ha un sindaco, un sindaco che prima di essere tale è principalmente un uomo che per anni ha combattuto per una Messina vivibile, libera da ogni prepotenza e da ogni pseudo gioco massonico-politico. Una città libera. Ieri, a Piazza Unione Europea, per i messinesi Piazza “Municipio”, la gente che non ha mai smesso di credere, che ha vissuto fin dal principio questa fantastica avventura e anche quella gente che aveva ormai perso le speranze è stata catapultata in una nuova realtà del tutto diversa da quella a cui siamo abituati, una realtà in cui i sogni possono realizzarsi.

Tra la folla festante, insieme alle bandiere della pace che sventolavano dal balcone del palazzo municipale, un telone recitava: “Non sapevano che era impossibile, perciò l’hanno fatto”. Questa frase racchiude l’essenza dell’utopia che si trasforma in concretezza, ed è proprio da questa frase che vorrei prendere spunto per dire che i primi a doverci assumere le responsabilità siamo noi popolo messinese, e siamo anche i primi a dover risollevare la nostra città: un singolo uomo appoggiato da otto assessori, benché straordinari, non può cambiare le sorti della società. Il popolo unito SI! L’entrata simbolica al Comune, a cui hanno partecipato centinaia di persone, non deve rimanere un’entrata simbolica. Quel posto è il nostro e noi dobbiamo aiutare ad amministrarlo nel migliore dei modi. Renato è uomo, Renato è il nuovo sindaco, Noi siamo uomini, noi siamo i nuovi sindaci!

Tag:, , , ,

No Comments
Story Page