close
Breaking news

Sei alla ricerca di un programma tv o di un film da guardare sul divano ma non ...read more Da oggi “Swoosh”, il primo singolo ufficiale di Dariè Baby, artis...read more Il rapper lancia il nuovo disco, in uscita il 26 giugno: «Lo definirei sobrio,...read more Leggere testi ad alta voce ed essere pagati per farlo. L’azienda di servi...read more Si intitola “Una voglia assurda” e uscirà venerdì “L...read more Aveva 51 anni e si trovava in Sicilia. Il ricordo dei colleghi: «Un grande per...read more ”Rabbia ed orgoglio dei dottori commercialisti verso le insinuazioni ...read more Torna Barbara Gilbo con la sua suadente e graffiante voce pop/rock e con un pez...read more Ideato da Tohru Iwatani, mentre guardava una pizza dopo averne mangiato la...read more Si chiama Avi Schiffmann e ha spiegato: “Non sono uno speculatore, non vo...read more

A Messina finisce l’era dei “Buddaci” e inizia l’era del messinese e fiero: Renato Accorinti sindaco

renato sindacoLa vittoria dell’utopia, questo è accaduto ieri a Messina: ha vinto la gente che vuole cambiare il corso delle cose e che crede ancora in qualcosa. E’ finita l’era dei “Buddaci”, adesso inizia l’era del messinese e fiero.

Finalmente Messina ha un sindaco, un sindaco che prima di essere tale è principalmente un uomo che per anni ha combattuto per una Messina vivibile, libera da ogni prepotenza e da ogni pseudo gioco massonico-politico. Una città libera. Ieri, a Piazza Unione Europea, per i messinesi Piazza “Municipio”, la gente che non ha mai smesso di credere, che ha vissuto fin dal principio questa fantastica avventura e anche quella gente che aveva ormai perso le speranze è stata catapultata in una nuova realtà del tutto diversa da quella a cui siamo abituati, una realtà in cui i sogni possono realizzarsi.

Tra la folla festante, insieme alle bandiere della pace che sventolavano dal balcone del palazzo municipale, un telone recitava: “Non sapevano che era impossibile, perciò l’hanno fatto”. Questa frase racchiude l’essenza dell’utopia che si trasforma in concretezza, ed è proprio da questa frase che vorrei prendere spunto per dire che i primi a doverci assumere le responsabilità siamo noi popolo messinese, e siamo anche i primi a dover risollevare la nostra città: un singolo uomo appoggiato da otto assessori, benché straordinari, non può cambiare le sorti della società. Il popolo unito SI! L’entrata simbolica al Comune, a cui hanno partecipato centinaia di persone, non deve rimanere un’entrata simbolica. Quel posto è il nostro e noi dobbiamo aiutare ad amministrarlo nel migliore dei modi. Renato è uomo, Renato è il nuovo sindaco, Noi siamo uomini, noi siamo i nuovi sindaci!

Tag:, , , ,

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi