close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

Facebook prepara il nuovo regolamento contro la violenza sulle donne

Troppi contenuti offensivi, spesso riferiti alle donne, hanno dato il via a una campagna mondiale di protesta contro il social network, costringendolo a rivedere il regolamento sui post ritenuti offensivi

Facebook1

Una campagna di protesta, promossa tra gli altri anche da Woman, Action and The Media, Everyday Sexism, ha costratto Facebook a rivedere i propri parametri di giudizio sui post che possono essere considerati offensivi.

Tale campagna, ha raccolto più di 225mila firmatari e migliaia di messaggi via Twitter (utilizzando l’hashtag #fbrape), ed stata sostenuta anche da Uniliver e Nissan, i quali hanno addirittura sospeso le loro inserzioni pubblicitarie sul social network, poiché spesso i loro post sponsorizzati apparivano accanto a contenuti offensivi.

Da Palo Alto hanno così deciso di muoversi in tal senso e, attraverso un comunicato, hanno informato i loro utenti che sono già a lavoro su una revisione delle linee guida riguardanti la pubblicazione dei post. Della revisione in questione si occuperanno esperti di diritto e persino organizzazioni umanitarie. Inoltre, la formazione del team che fino ad oggi ha avuto il compito di valutare i contenuti pubblicati dagli utenti sulla piattaforma, verrà sensibilmente migliorata.

I post ritenuti offensivi non saranno più cancellati dal social network, ma saranno affiancati dal nome e dal cognome reale di chi le ha pubblicate, in modo tale che gli autori non possano più nascondersi dietro pagine o profili fake.

Tag:, , , , , , , , , , , ,

No Comments
Story Page