close
Breaking news

Le pagelle della quinta serata del Festival di Sanremo 2018 Claudio Baglioni: 4...read more Lʼannuncio su Twitter di David Simon È morto a 59 anni l’attore Reg E....read more Le pagelle della quarta serata del Festival di Sanremo 2018 Claudio Baglioni: 4...read more Le pagelle della terza serata del Festival di Sanremo 2018 Claudio Baglioni: 4....read more Mentre si discute ancora sul caso di plagio che coinvolge Non mi avete fatto nie...read more Fiorello: 9. Fiorello è un maestro nel fare quello che ti aspetti da lui. Non ...read more Voci di corridoio confermano che si sta già pensando a una probabile seconda da...read more Come sarebbe la nostra vita senza tecnologia? Il docu-film “(A)social: 10 ...read more BELIZE – “Superman” (Kylome remix) disponibile da oggi in escl...read more L’attore 35enne è stato trovato morto: secondo i media Usa si sarebbe impicca...read more

Facebook prepara il nuovo regolamento contro la violenza sulle donne

Troppi contenuti offensivi, spesso riferiti alle donne, hanno dato il via a una campagna mondiale di protesta contro il social network, costringendolo a rivedere il regolamento sui post ritenuti offensivi

Facebook1

Una campagna di protesta, promossa tra gli altri anche da Woman, Action and The Media, Everyday Sexism, ha costratto Facebook a rivedere i propri parametri di giudizio sui post che possono essere considerati offensivi.

Tale campagna, ha raccolto più di 225mila firmatari e migliaia di messaggi via Twitter (utilizzando l’hashtag #fbrape), ed stata sostenuta anche da Uniliver e Nissan, i quali hanno addirittura sospeso le loro inserzioni pubblicitarie sul social network, poiché spesso i loro post sponsorizzati apparivano accanto a contenuti offensivi.

Da Palo Alto hanno così deciso di muoversi in tal senso e, attraverso un comunicato, hanno informato i loro utenti che sono già a lavoro su una revisione delle linee guida riguardanti la pubblicazione dei post. Della revisione in questione si occuperanno esperti di diritto e persino organizzazioni umanitarie. Inoltre, la formazione del team che fino ad oggi ha avuto il compito di valutare i contenuti pubblicati dagli utenti sulla piattaforma, verrà sensibilmente migliorata.

I post ritenuti offensivi non saranno più cancellati dal social network, ma saranno affiancati dal nome e dal cognome reale di chi le ha pubblicate, in modo tale che gli autori non possano più nascondersi dietro pagine o profili fake.

Tag:, , , , , , , , , , , ,

No Comments
Story Page