close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

Fabri Fibra shock «Raga', adesso fate la rivoluzione»

VILLAFRANCA. Show ridotto per la febbre alta dell’artista. Il rapper scatenato contro i politici arringa i 3.000 spettatori: «Vi dovete arrabbiare, a nessuno importa niente di voi…»

L’effetto finale di Fabri Fibra è opposto a quello dello show Beppe Grillo is back. Se il comico genovese, al termine delle sue (quasi) tre ore di spettacolo lasciava il pubblico con l’ansia per il futuro e la disperazione di un presente che non cambia, il rapper marchigiano ha salutatogli oltre tremila ragazzi accorsi l’altra sera al Palacover di Villafranca con parole dure ma di speranza:

«Mi chiedono cos’è la Controcultura, visto che ho chiamato così il mio disco e il mio tour», ha gridato Fibra. «Viviamo in un paese dominato da una classe politica vecchia e vedere migliaia di ragazzi giovani come voi a un concerto è controcultura».
Aveva già rincarato la dose con i suoi brani più feroci (Escort – indovinate di cosa parla?) Tre parole, In Italia, Incomprensioni e Vip in trip) ma prima di mitragliare le migliaia di orecchie presenti a suon di rime, aveva detto: «Raga’, nessuno di voi farà mai carriera, con questi politici al potere. Vi dovete arrabbiare, dovete fare la rivoluzione… Nessuno vi darà mai un lavoro decente, una vita normale… A nessuno importa niente di voi».
È una chiamata alla partecipazione alla vita pubblica, lontano dalla televisione e dai falsi miti che propina. E la fa un rapper definito controverso, ma in realtà limpido e cristallino, molte volte sboccato sì, ma in grado di usare le parolacce con una finalità poetica come Boccaccio o il primo Benigni di Berlinguer ti voglio bene. Nel suo show di appena un’ora e 15 minuti (Fibra aveva la febbre e la scaletta è stata ridotta), i bersagli sono belli in vista: la tivù, i personaggi del gossip, i politici («Ditemi se credete nei politici», ha chiesto, ed è partito, come un boato, un «nooo» di risposta) ma anche i partiti e gli stessi ragazzi tra il suo pubblico che magari ballano il ritmo hip hop, ma non capiscono quello che lui rappa. Emblematica una strofa: «Tu che ci fai qui?», domanda Fibra a uno che lo guarda dal vivo. «Dice “passo per caso”/ Sì, a un concerto passi per caso/ Pensi che la beva come chi/ come chi vota Lega?»
Alla fine, nel cervello rimbombano frasi («Il lavoro in Italia è come l’autostrada/ tutto bloccato») di una cattiveria a tratti così lucida da far male. E risaltano la veemenza e l’autorità con cui Fibra scandisce rime insieme all’altro rapper sul palco, Antics. Anche quando è autoreferenziale («Fabri Fibra è tanta roba, applausi per Fibra, sempre io»), è comunque una bomba innescata nelle coscienze. «La rivoluzione non si fa senza passione», confessa Fabri. Lui, il cuore, ce l’ha messo tutto.

L’Arena.it

Tag:, , , ,

No Comments

No Comments

  • Fabri Fibra shock «Raga’, adesso fate la rivoluzione»... VILLAFRANCA. Show ridotto per la febbre alta dell’artista. Il rapper scatenato contro i politici arringa i 3.000 spettatori: «Vi dovete arrabbiare, a nessuno importa niente di voi…» L’effetto finale di Fabri Fibra è opposto a quello dello show Beppe Gr...

Story Page