close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

Euro 2016 – Rendez-vous col Delirio, day #23: Portogallo campione d’Europa, io ve l’avevo detto

Il ventitreesimo giorno chiude il cerchio. Il Portogallo è campione d’Europa, come questa rubrica – e quindi io – aveva anticipato.

Ecco com’è andata.

euro2016

Portogallo – Francia 1-0

La tattica della Francia è chiarissima: abbattere il più forte e poi dominare agilmente. Proprio per questo, quando non sono neanche passati sei minuti sul cronometro, il Musagete Payet si lancia su Cristiano Ronaldo e gli marchia “TVB” a fuoco sulla gamba. Il portoghese più pettinato della storia del calcio è a terra. Piange. Lo staff medico prova a tranquillizzarlo: “Uè ciccio, ti mettiamo ‘sta fascetta sulla gamba e torni come nuovo: sta senza pensier!”. CR7 esce momentaneamente, lo fasciano come un infante e rientra. Per poco. Perché al 25esimo e di nuovo a terra in lacrime. Liberté, Égalité, Ronaldo fatto fuori da Payet. Cristiano esce, entra l’idolo delle masse: Er Trivela Quaresma. Ronaldo piange un po’ di più. Il primo tempo scorre via tra le corse sfrenate di Sissoko e i tiri di poco fuori di Griezmann.

Nella ripresa, la situazione appare analoga. È la Francia ad attaccare con più convinzione. Giroud impegna Rui Patricio, ma il risultato non cambia. Il Portogallo risponde con un tiro-cross di Nani che Lloris respinge su Quaresma, dandogli modo di mostrare tutta l’eleganza che ha in corpo con una rovesciata centralissima e debole che il portiere francese neutralizza semplicemente mettendosi a posto i capelli. I galletti rispondono con una sassata di Sissoko da fuori sventata splendidamente da un volo di Rui Patricio. Al 93esimo, Gignac riceve in area da Evra, siede Pepe e a portiere battuto fa tremare il palo. Si va ai supplementari.

Ai supplementari cambia tutto. Si entra nella leggenda. Il primo tempo va via veloce, l’unica occasione è portoghese con Eder che colpisce debolmente di testa e Lloris controlla senza troppi problemi. Ma nel secondo tempo accade l’impensabile – tranne per me e questa rubrica – il Portogallo si porta in vantaggio. È proprio Eder, al 109esimo, a ricevere una palla fuori area e fuori logica. Si guarda intorno, si muove male, non sa che fare. Un pensiero sfiora la mente del genio: “E se tirassi? Anche a cazzo di cane, ma se tirassi?”. Non fa in tempo a concludere il concetto che il suo piede destro si sta già muovendo in modo molto sgraziato e inelegante verso il pallone. Lo colpisce (male) con tutta la forza che ha in corpo. Lloris capisce che è finita, ma ci prova ugualmente. Si lancia alla sua destra, mano protesa, ma non c’è nulla da fare. Il pallone supera incredibilmente la linea e un boato l’accompagna. Caressa urla manco avesse segnato l’Eder italiano. Cristiano Ronaldo strattona il suo allenatore e saltella come non avesse più dolore. Deschamps è impietrito. Il Portogallo è campione d’Europa e io avevo ragione.

La Francia spreca un’occasione epica. In finale, in casa, contro un Portogallo che – prima di ieri – aveva vinto solo una partita. Per di più, ha giocato tutta la partita senza Cristiano Ronaldo. Il loro giocatore più forte e – almeno attualmente, visti i risultati di Messi – probabilmente il più forte del mondo. Ma quando scende Quaresma in campo non c’è storia. Campione d’Europa con l’Inter nel 2010 e adesso con la sua nazionale. Er Trivela colpisce ancora. E batte, in casa, il Musagete Payet. Dimostrazione di forza assoluta. È storia.

Per quel che riguarda noi, è stato bello. Un mese di stronzate in libertà in questa rubrica. Si va in vacanza, L’appuntamento, presumibilmente, sarà per Russia 2018.

Merci beaucoup et à la prochaine.

Tag:, , , , , , , , , , ,

No Comments
Story Page