close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

Euro 2016 – Rendez-vous col Delirio, day #22: Rizzoli fa il gesto del cucchiaio a Neuer e la Francia è in finale

Il ventiduesimo giorno fa fuori i crucchi. È gioia. In finale ci va la Francia. È un po’ meno gioia, ma purtroppo non potevano perdere entrambe. Il calcio non lo prevede. Ci penserà Quaresma.

Andiamo a noi.

euro2016

Germania – Francia 0-2

Primo tempo inizialmente a senso unico. Si gioca esclusivamente nella metà campo francese, anche se tedeschi non riescono quasi mai a concludere decentemente. Uno dei pochi spunti francesi lo regala Giroud, che vince un contrasto volante contro il fratello crucco di Boateng e si lancia in contropiede a campo aperto. Ora, capite bene che è pur sempre Giruod, un uomo che fa due metri ogni trenta minuti. Di conseguenza, lo recupera persino Lloris scattando dalla propria porta. L’azione sfuma, ma qualche minuto dopo ci pensa Codice Fiscale Schweinsteiger a restituire alla Francia l’opportunità sfumata. S’inventa un fallo di mano da completo idiota in mezzo all’area e Rizzoli non può far altro che guardare Neuer, fargli il gesto del cucchiaio e dare rigore ai francesi. Lo calcia Griezmann, che non è Pellè, e quindi segna. La Francia è avanti al 47esimo.

Nella ripresa, è ancora la Germania a confezionare la minchiata. Al 72esimo è il reparto difensivo a rendersi protagonista perdendo palla in area di rigore come nemmeno all’oratorio: Kimmich stoppa talmente male che la palla si rifiuta di essere controllata da lui. La recupera Pogba, finte e controfinte su Mustafi che vomita l’anima, la mette in mezzo, Neuer respinge sui piedi di Griezmann che ancora una volta lo trafigge. Nel finale ci sarà tempo anche per un clamorosa parata di Lloris su un colpo di testa ravvicinato di Kimmich. Ma finisce così, 2-0 per la Francia che vola in finale.

A fine partita, Low la prende bene: “Nel 2012 l’Italia era più forte di noi, oggi non ha vinto la migliore. Siamo stati più forti dei francesi in tutto, tranne che nei gol e nel risultato. Ci abbiamo messo grande impegno, un ottimo linguaggio del corpo”. Come no. Il linguaggio del corpo, soprattutto. Specialmente Schweinsteiger che schiaffeggia il pallone in area di rigore e Kimmich che regala palla a Pogba a due centimetri dalla porta. Linguaggio del corpo da fenomeni navigati. Come quello dello stesso Low in panchina, del resto.

Finale Portogallo – Francia, dunque. Noiosa come poche. Ma sarà Er Trivela Quaresma ad alzare la coppa, in barba al Musagete Payet.

Noi ci rileggiamo lunedì.
Au revoir.

Tag:, , , , , , , , , , , , ,

No Comments
Story Page