close
Breaking news

L’artista sarà sul palco dell’Ariston anche in veste di direttore a...read more Messico, ucciso assistente di produzione di ‘Narcos’: cercava locati...read more L’1 settembre uscirà il nuovo attesissimo album di Ensi, dal titolo V. Qu...read more Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more

“Non essere cattivo” di Claudio Caligari in corsa per l’Oscar

gruppo_marinellituretta

È l’ultima opera del regista di Amore tossico, scomparso lo scorso 26 maggio, ad essere stata scelta per rappresentare l’Italia nella corsa alla candidatura come miglior film in lingua straniera ai prossimi Academy Awards.

Il film, presentato in anteprima alla 72. Mostra del Cinema di Venezia e uscito nelle sale italiane l’8 settembre, è stato prodotto da Valerio Mastandrea – grande amico del regista e protagonista del suo L’odore della notte – che ha inoltre collaborato con Caligari durante la lavorazione del film e dopo la sua scomparsa, avvenuta poco prima della fine delle riprese.

Valerio Mastandrea e Claudio Caligari
Valerio Mastandrea e Claudio Caligari

Non essere cattivo non si discosta dal mondo degradato e violento dei due precedenti film di Caligari: c’è la periferia, c’è la droga, c’è il disagio giovanile e c’è la storia di un’amicizia. Simon Barletti, che recensisce film su YouTube e ha visto il film a Venezia, lo descrive come “un bello spaccato della piccola criminalità di Ostia, più vera che nella realtà, perché c’è molta empatia verso dei personaggi che sostanzialmente sono di una categoria sociale infima e dovrebbero essere detestati. Tocco felliniano per una sequenza (quella dell’autobus pseudo-circense) che non guasta affatto. Regia dinamica e accorta.

Una scelta coraggiosa, quella di preferire un outsider alla schiera di grandi nomi e film già acclamati all’estero, dato che gli altri titoli a contendersi il posto erano Il giovane favoloso di Mario Martone, Sangue del mio sangue di Marco Bellocchio, Latin lover di Cristina Comencini, L’attesa di Piero Messina, Nessuno si salva da solo di Sergio CastellittoMia madre di Nanni Moretti e Per amor vostro di Giuseppe M.Gaudino.

La corsa per la statuetta, però, è solo all’inizio. La cinquina finale verrà svelata – assieme alle altre nomination – il 14 gennaio 2016.

No Comments
Story Page