close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

E’ morto Ravi Shankar, il maestro sitar di George Harrison

Immagine The Guardian

Per George Harrison era “the Godfather of world music”. Ravi Shankar non fu solo il suo maestro sitar, ma ne cambiò anche la vita spirituale; e, con l’influenza che ebbe non solo su George, segnò una svolta nella produzione artistica dei Beatles. Dall’India, i quattro ragazzi di Liverpool non tornarono più gli stessi, come si usa, correttamente, dire. Ravi Shankar, naturalmente, ispirò in maniera profonda anche la carriera solista di George Harrison.

“The Godfather of world music” suonò a Woodstock nel 1969 e, due anni dopo, a New York partecipò a “The Concert for Bangladesh“, forse meglio conosciuto come “George Harrison and friends”, che viene considerato il quarto album solista dell’ormai ex Beatles.

Ravi Shankar, ritenuto l’ambasciatore della cultura indiana nel mondo, è il padre naturale della cantautrice Norah Jones: non la riconobbe mai, ma l’esame del DNA non lasciò dubbi. Riconobbe invece Anoushka Shankar, anch’essa musicista e curatrice del Ravi Shankar Centre. Si è spento oggi (ieri per il fuso orario) nello stato di San Diego (Usa) dov’era stato ricoverato il 6 dicembre scorso per difficoltà cardiache e respiratorie. Aveva 92 anni.

Qui sotto un estratto dal film-documentario di Martin Scorsese su George Harrison.

Immagine anteprima YouTube

Tag:, ,

No Comments
Story Page