close
Breaking news

Ecco la lista completa dei film presenti alla 73esima Mostra del Cinema di Venez...read more   Un nuovo titolo nel programma della 73. Mostra: L’uomo che non cambiò la s...read more   “The Rockers” è il nuovo album della stella del reggae mond...read more Finalmente pubblicata la canzone di Florence + The Machine scritta per il nuovo...read more La 73.ma edizione del Festival di Venezia segna anche il ritorno alla regia, c...read more 22 settembre. L’estate è finita ufficialmente. E su questo non ci piove....read more Orfani di Grido, i Gemelli DiVersi sono tornati in pista. Di seguito il video e ...read more   En?gma – Rapa Nui (Prod. By Wsht) Rapa Nui è il terzo singolo est...read more “Curriculum” è il primo singolo estratto da “Canzoni per met...read more “Dal Basso“, fuori ora il nuovo video di Emis Killa estratto dal suo nuovo a...read more

Daniel Mendoza sorprende ancora unendo il suo indie-rap al cinema muto con “Ejzenstejn”

Ejzenstejn”, che avevamo ascoltato mesi fa su Spotify, arriva nella sua versione video per la regia di Virginia Pavoncello (Second Life Videos).

Il brano, prodotto da Tonic 21Gr., usa la figura del noto Regista (padre del cinema Muto) come metafora per raccontare il tema della mancanza di dialogo nelle coppie.

«Per una volta, ho voluto raccontare una storia non personale, ma la storia di molti. Il tempo porta molte coppie ad un punto morto, dove anche la voglia di parlare svanisce piano piano.–racconta Daniel Mendoza sviscerando qualche aneddoto di “Ejzenstejn”–Mi hanno sempre affascinato i film muti, come La Corazzata Potemkin dello stesso regista sovietico ad esempio, dove i protagonisti compiono milioni di azioni senza parlare. Nasce da qui la metafora di paragonare una coppia che proprio come quelle pellicole, non parla. ».

Grazie al tocco di RabbitHeavenly come Custome Designer e ai ballerini professionisti Chiara Corradi e Andrea Bilotti, il video, staccandosi dallo storytelling più classico proposto negli altri video dell’artista, adotta uno stile video-fotografico dove i danzatori che utilizzano due stili completamente differenti, sottolineano la differenza dei due personaggi. L’anima dei due protagonisti, in pieno stile “montaggio delle attrazioni”, vuole enfatizzare questo profondo senso di mancanza di comunicazione.

Ejzenstejn”, fuori per Street Label Records, continua il percorso nei circuiti indie già intrapreso da Daniel Mendoza coi precedenti singoli.

Tag:

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi