close
Breaking news

Sei alla ricerca di un programma tv o di un film da guardare sul divano ma non ...read more Da oggi “Swoosh”, il primo singolo ufficiale di Dariè Baby, artis...read more Il rapper lancia il nuovo disco, in uscita il 26 giugno: «Lo definirei sobrio,...read more Leggere testi ad alta voce ed essere pagati per farlo. L’azienda di servi...read more Si intitola “Una voglia assurda” e uscirà venerdì “L...read more Aveva 51 anni e si trovava in Sicilia. Il ricordo dei colleghi: «Un grande per...read more ”Rabbia ed orgoglio dei dottori commercialisti verso le insinuazioni ...read more Torna Barbara Gilbo con la sua suadente e graffiante voce pop/rock e con un pez...read more Ideato da Tohru Iwatani, mentre guardava una pizza dopo averne mangiato la...read more Si chiama Avi Schiffmann e ha spiegato: “Non sono uno speculatore, non vo...read more

Da Gomorra al dream pop, Da Blonde pubblica il primo disco solista “Parlo ai cani”

Da Blonde (4)

“Parlo ai cani” è il titolo del nuovo EP della cantautrice napoletana Da Blonde, disponibile in tutte le piattaforme digitali da venerdì 8 maggio, pubblicato da Octopus Records.

Dopo numerose collaborazioni con i rapper della scena partenopea a nazionale, la partecipazione alla colonna sonora della terza stagione di Gomorra con il brano “Sensibile”, ora Da Blonde ha deciso di voltare pagina.

Volevo realizzare questo progetto da anni, volevo semplicemente che le mie canzoni mi rappresentassero”. Con queste parole Da Blonde descrive la forte esigenza artistica che l’ha portata, finalmente, a realizzare il primo lavoro completamente solista composto da otto tracce.

Un disco melodico, introspettivo, intimo e sincero, essenziale negli arrangiamenti, lineare nelle produzioni ma emozionale e diretto. Un dream pop che flirta con il rock, dove le chitarre rincorrono linee vocali sensuali e graffianti. In questo viaggio dal mondo urban al pop rock è stata accompagnata dal produttore e chitarrista napoletano Giuseppe Fontanella, già membro dei 24 Grana.

Fare musica per me è come una terapia, mi aiuta ad accettare la realtà, avevo semplicemente voglia e bisogno di scrivere quello che sentivo senza che per forza qualcuno dovesse dirmi quanto andasse bene o meno”.

Atmosfere malinconiche, anche cupe e riflessive fanno da sfondo a testi che parlando della sua vita, delle esperienze di questi anni, dei suoi pensieri così come li sente nel profondo, senza forzature, senza dover per forza trovare la parola più accattivante.

Ma la grande novità con il passato risiede anche nella scrittura, dove prima veniva realizzata su beat preesistenti, mentre per il nuovo corso tutte le composizioni sono partite da sessioni di piano e voce.

Volevo che fosse essenziale, che la gente potesse conoscermi semplicemente ascoltandomi, il mio intento era realizzare qualcosa che emozionasse me per prima, e che somigliasse alle cose che mi hanno sempre fatto appassionare”.

Tag:,

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi