close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

Corea del Nord pronta al lancio dei missili – USA e Seul alzano livello di allerta

corea.jpg_415368877

Pyongyang è pronta a lanciare missili. Non è una notizia nuova ma allo stesso tempo gli Stati Uniti e Seul alzano il livello di allerta, infatti questo è stato impostato a “livello 2” che chiaramente indica una “minaccia vitale”. Lo stesso Giappone inizia a prendere le misure per eventuali lanci da parte della Corea del Nord.

I chiari avvertimenti da parte del ministro coreano fanno sperare che tutto questo sia solo un modo provocatorio, riferisce la Casa Bianca, che al tempo stesso è cosciente del fatto che eventuali missili, nello specifico Musudan, Scud e Nodong, possano essere lanciati senza alcun tipo di avvertimento. A perorare la causa della non-provocazione è l’installazione di nuovi 5 moduli per il lancio e trasporto di vettori (cosiddette TEL) a Hamkyung del Sud.

I TEL sono da ritenersi piattaforme multiuso, impiegabili per missili a corto raggio Scud, che hanno una copertura di 300-500 km, e missili a medio raggio Nodong, che possono raggiungere i 1.300-1.500 km.

Insomma tutto lascia presagire che Pyongyang faccia sul serio nonostante sia una mossa, quella del ministro nord coreano, che sicuramente ha dell’incredibile. Non a caso oggi scade l’ultimatum, mandato agli ambasciatori stranieri presenti nel territorio nord coreano, a lasciare il paese, perché non in grado di garantire loro la massima sicurezza.

Che sia tutto un bluff?

Tag:,

No Comments
Story Page