close
Breaking news

L’artista sarà sul palco dell’Ariston anche in veste di direttore a...read more Messico, ucciso assistente di produzione di ‘Narcos’: cercava locati...read more L’1 settembre uscirà il nuovo attesissimo album di Ensi, dal titolo V. Qu...read more Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more

Club Dogo: "Se questi sono gli altri, che bello essere noi"

Con il disco Che bello essere noi sono arrivati dritti al secondo posto in classifica e ora li attende un lungo tour. In un’intervista esclusiva Jake, Gue e Don Joe ci hanno parlato dell’album, dell’hip hop e, a scanso di equivoci, di cocaina

Un disco diretto al secondo posto nella classifica delle vendite. Un tour che parte il 15 novembre dall’Alcatraz di Milano e che toccherà mezza Italia. Insomma, di motivi per dire “Che bello essere noi”, come il titolo del loro album, i Club Dogo ne hanno parecchi. Ma ancora di più sono quelli per dire che è bello non essere come gli altri. Quali altri? Ce lo hanno spiegato Jake la Furia, Gue Pequeno e Don Joe in un’intervista esclusiva.

Partiamo dal titolo, Che bello essere noi
Jake la Furia: È un gioco, una provocazione per dire che è bello essere noi perché non siamo come quegli altri che devono ricorrere a compromessi o adeguarsi per riuscire ad avere successo.
Gue Pequeno: Soprattutto in un momento in cui ci sono personaggi trash nella musica, nello spettacolo o anche nella politica… se questi sono gli altri, che bello essere noi!

Il vostro disco ha esordito al secondo posto: un indizio di buona salute dell’hip hop italiano o è solo merito vostro?
Jake: Tutte e due le cose. Sicuramente c’è una botta dell’hip hop italiano, visto che noi siamo in classifica, Fabri Fibra è in classifica, Marracash è entrato in classifica, ci sono anche gruppi underground che stanno spaccando e la gente va a vedere i concerti. E questo è anche un po’ merito nostro perché cantiamo cose difficili da portare nel mainstream, ma abbiamo trovato una formula per continuare a fare la nostra musica e arrivare in alto.
Gue: È anche un riconoscimento, perché significa che non arriviamo solo alla cerchia stretta dell’hip hop, ma a tutti quanti.

E a quelli che sostengono che l’hip hop per entrare in classifica si è svenduto, cosa rispondete?
Gue: Succede in tutti gli ambiti e in tutti i generi musicali. Non è una critica alla musica, ma al successo in se stesso. Capita anche nel rock alternativo che è un altro genere che viene dall’underground, per dire… È vero che nell’hip hop avviene in maniera particolare, perché si ha l’idea che la major sia il male, qualcosa che riempie di soldi l’artista e lo obbliga a fare cose, ma non è così che funziona.
Don Joe: Non ha senso dire queste cose a maggior ragione per un gruppo come il nostro che è partito da zero, non è un progetto pensato a tavolino.

Passando al disco, come avete scelto gli artisti per i featuring, dai Co’ Sang a Marracash?
Gue: La decisione è stata abbastanza ragionata, abbiamo pensato di chiamare quelli che per noi sono i rappresentanti dell’hip hop più validi. A tutti i livelli, da rapper molto duri come Noyz Narcos a uno come Entics che fa un hip hop un po’ reggae e che è uno molto in crescita. Ci siamo comunque mantenuti nell’ambiente hip hop, cercando di chiamare i nomi un po’ più freschi. Con J Ax poi avevamo già fatto un pezzo nel disco precedente e non volevamo che richiamarlo apparisse forzato.

Spaziando con la fantasia, chi vorreste come feat per un vostro prossimo album?
Gue: Ci sono distinzioni da fare. Ognuno ha la sua musica e artisti preferiti, per cui magari c’è la collaborazione fantascientifica con un musicista che ti piace tantissimo, ma poi magari non porta niente all’album.
Jake: Un sogno senza pensare a niente, potrebbe essere Lil’ Wayne… ma non avrebbe molto senso.

Di giovani promesse ne vedete, nel rap italiano?
Gue: Ci sono molto artisti bravi, ma il ricambio generazionale non è molto veloce e questo rispecchia come vanno le cose in Italia, dalla politica alla musica. Ma qualcosa si muove, c’è gente come Emis Killa, uno molto giovane che è criticatissimo, il che è un buon segnale di bravura. Se lui fosse stato in Francia o in Germania avrebbe già bruciato le tappe, mentre invece qua dovrà affrontare molti più ostacoli.

Una parte del vostro successo deriva anche dal fatto che siete riusciti a circondarvi di una crew, la Dogo Gang, che per organizzazione non ha pari in Italia?
Jake: Anche, quello fa un po’ parte del marketing del gruppo, accresce la leggenda. Parte del nostro successo viene da quello e parte del loro viene da noi.
Gue: Il concetto della crew, della famiglia nell’hip hop c’è in tutta Europa e nel mondo. Ma noi non l’abbiamo fatto per copiare, lo abbiamo fatto perché tutti questi sono effettivamente nostri amici e noi abbiamo istituzionalizzato questa amicizia.

Nel disco ci sono aperture all’elettronica e alla dance…
Jake: Ci viene naturale perché comunque noi non ascoltiamo solo hip hop. Io la techno l’ho sempre ascoltata, già da prima del rap. Ascoltiamo anche tanto reggae… tutta la musica.
Don Joe: Sperimentiamo di continuo, magari in passato abbiamo strizzato l’occhio al rock e in questo disco l’abbiamo fatto con la dance o la gabber.
Jake: Poi essendo un po’ tarri dentro un po’ di elettronica ci sta. Il suono si deve evolvere, non può rimanere sempre quello della golden age dell’hip hop, campionato dal soul o dal funk.

Parliamo dei singoli brani: Per la gente è una sorta di omaggio al vostro pubblico…
Jake: È una dedica che è davvero sincera perché comunque il nostro successo viene dalla gente: se il disco è entrato secondo in classifica senza radio e televisione e soltanto perché ci sostengono i nostri fan.

C’è invece anche una vera e propria canzone d’amore dedicata a una marca di scarpe, Nuove Nike
Jake: Sì, innanzitutto chiariamo una cosa: il pezzo lo abbiamo fatto perché effettivamente siamo dei fanatici della Nike, non ci hanno dato niente in cambio. Noi abbiamo svariati paia di Nike, tutti e tre, e allora ci piaceva fare questa cosa.

Per finire, vi va di spiegare un pezzo che a prescindere dal suo effettivo contenuto genererà controversie, ossia Cocaina [guarda il video]?
Jake: Senza ipocrisie, la cocaina ha fatto parte della nostra esistenza. Ci siamo esauriti l’argomento in un solo pezzo del disco, perché poi non è che se ne parli molto, comunque nasce perché Joe aveva prodotto una base campionando un pezzo trance che diceva “This is cocaine” e noi abbiamo colto la palla al balzo per scrivere il testo. Il pezzo e il video non sono fraintendibili, anche se i più accaniti tendono a fraintendere lo stesso. Anche se facessi un disco in cui dico quanto è buono il Papa, mi accuserebbero di bestemmiare. È un pezzo contro, che assieme al video descrive un incubo. Noi parliamo della coca perché fa parte della nostra società, ma questo non vuol dire promuovere la coca.

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

No Comments
Story Page