close
Breaking news

Sei alla ricerca di un programma tv o di un film da guardare sul divano ma non ...read more Da oggi “Swoosh”, il primo singolo ufficiale di Dariè Baby, artis...read more Il rapper lancia il nuovo disco, in uscita il 26 giugno: «Lo definirei sobrio,...read more Leggere testi ad alta voce ed essere pagati per farlo. L’azienda di servi...read more Si intitola “Una voglia assurda” e uscirà venerdì “L...read more Aveva 51 anni e si trovava in Sicilia. Il ricordo dei colleghi: «Un grande per...read more ”Rabbia ed orgoglio dei dottori commercialisti verso le insinuazioni ...read more Torna Barbara Gilbo con la sua suadente e graffiante voce pop/rock e con un pez...read more Ideato da Tohru Iwatani, mentre guardava una pizza dopo averne mangiato la...read more Si chiama Avi Schiffmann e ha spiegato: “Non sono uno speculatore, non vo...read more

Club Dogo: «Milano brucia ancora»

Alcatraz: tutto esaurito per il live di lunedì. Scaletta corposa e tantissimi vip

Non chiamatele canzonette. Quelle dei Club Dogo – al secolo Jake La Furia, Gué Pequeno e Don Joe – sono parole cariche di hip hop che spaccano il cuore di chi le ascolta. Da semplice band milanese che fa rap a gruppo simbolo della scena italiana di hip hop, i Club Dogo di strada in questi anni ne hanno fatta e il loro concerto di scena lunedì all’Alcatraz già sold out da un paio di settimane la dice lunga sul successo che li sta travolgendo: «Siamo eccitati, pazzi di gioia – spiega Gué Pequeno -. Il concerto tutto esaurito, il secondo posto nelle classifiche di vendita del nostro nuovo album Che bello essere noi e i continui contatti su You Tube del nostro nuovo singolo Spacco tutto e del video Brucia Ancora ci fanno capire che il rap in Italia sta vivendo un periodo florido, ma anche che noi finalmente stiamo raccogliendo i frutti di una carriera iniziata tanti anni fa nelle piazze di Milano e ora approdata nei grandi club davanti a tantissima gente». Ed è proprio la gente la parola chiave del fenomeno Club Dogo: «Noi siamo dalla parte della gente e per la gente – spiega Gué -; non ci riduciamo a lanciare messaggi, ma con le parole tocchiamo in profondità le corde dei ragazzi. La nostra vittoria è avere un pubblico eterogeneo che ci ascolta: c’è il fighetto chic che ama ballare all’Hollywood, ma anche il tipo delle periferie che frequenta solo i bar. Milano è una città contraddittoria con mille facce e la nostra musica trasversale tocca tutti». «Tutti o quasi – continua Gué – perché come cantiamo in Voi non siete come noi, ci schieriamo apertamente contro i cantanti che fanno cover, contro i politici e contro quelle persone dello spettacolo che fanno scelte orribili».
Nel concerto di lunedì, il primo del tour del nuovo disco, saliranno sul palco tantissimi ospiti, da J-Ax a Marracash.

Leggo.it

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi