close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

«Ci siete o no?!» Alborosie scatena Messina

image È proprio una di quelle serate estive. Quelle col sale in bocca, l’aria umida sulla pelle, fresca birra tra le mani, e gli occhi dipinti di blu, di mare e di cielo. Ad ampliare la bellezza dell’atmosfera si aggiunge il ritmo skattoso, la sonorità a tratti fluente, la polifonia strumentale: il tutto, calorosamente abbracciato dalla pronfonda voce di Alborosie.

Il saggio vicino catanese, ormai naturalizzato jamaicano, si diverte trasformando il palco in una camera con vista sul mare d’acqua adornato di mille e mille luci, e sul mare di gente, festante e scosso da sincroniche onde di bacini fluttuanti allo scandire sorridente del groove. Il palco, già frizzantemente calcato dai Trinakriu’, si colora di verde intenso, mentre lo strabiliante Shengen Clan allestisce il banchetto, ricchissimo di portate succulente e sane, che lo Chef Alborosie ha saggiamente preparato con cura.image

Si inizia con un piatto prelibato: Who run the dance . Il pubblico, già trascinato dalla potente rilassatezza delle frequenze reggae, si lascia trasportare da Camilla, Play fool e Soundkilla. Ma niente riesce a far sorridere, e respirare intensamente, seguendo la soffice aria di collettività che si gusta, come Rock the dancehall, Rolling like a rock, Rasta Anthem, Ragamuffin e I wanna go home.

Ringrazia, il ridente Alborosie, ricoperto dal manto di capelli, che coglie con le braccia, rendendoli ali dei suoi sogni. Vola, vola in alto, insieme ai tanti siciliani, e non, che hanno goduto, sabato 20 Luglio, della freschezza della musica, dell’armonia, della gioia, della bellezza del saper vivere insieme. Il grande Rastaman saluta con un ultimo sguardo, carico, ai due mari, cantando appassionatamente Kingston Town.

imageScende dal palco, stancamente felice, per mettersi di nuovo in viaggio, per suonare, suonare e, ancora, condividere la scoppiettante realtà che adorna il suo cuore con altre persone, altri posti, altri mondi, uniti, come sempre, dall’amore. Per la musica, la natura, le persone. Affida il palco ai Boo Daci’s, che sostengono la gioia dello scatenarsi in allegre danze fino alla fine del groove, fino al punto in cui non si distinguono i sogni dalle realtà. È stato forse un sogno, quello appena visto e assaporato? No, non lo è stato; Euphonya Management può bene dirlo.

Foto di Antonio Triolo

Tag:, , , ,

No Comments
Story Page