close
Breaking news

Le pagelle della quinta serata del Festival di Sanremo 2018 Claudio Baglioni: 4...read more Lʼannuncio su Twitter di David Simon È morto a 59 anni l’attore Reg E....read more Le pagelle della quarta serata del Festival di Sanremo 2018 Claudio Baglioni: 4...read more Le pagelle della terza serata del Festival di Sanremo 2018 Claudio Baglioni: 4....read more Mentre si discute ancora sul caso di plagio che coinvolge Non mi avete fatto nie...read more Fiorello: 9. Fiorello è un maestro nel fare quello che ti aspetti da lui. Non ...read more Voci di corridoio confermano che si sta già pensando a una probabile seconda da...read more Come sarebbe la nostra vita senza tecnologia? Il docu-film “(A)social: 10 ...read more BELIZE – “Superman” (Kylome remix) disponibile da oggi in escl...read more L’attore 35enne è stato trovato morto: secondo i media Usa si sarebbe impicca...read more

Chien Bizarre – Outsider (Recensione)

Chien Bizarre è un’alternative rock band italiana attiva dal 2014, formata da quattro membri: Mauro Mosciatti, Simone Freddi, Lorenzo Eugeni, Carlo Ciarrocchi. Il 6 gennaio hanno pubblicato “Outsider”, un disco che gli stessi Chien Bizarre descrivono come “conteso tra influenze del rock italiano – Timoria e i Litfiba – e solidi riferimenti internazionali – dai Led Zeppelin ai QOTSA”.

La (auto)descrizione fornita è certamente impegnativa. Accade spesso, infatti, che un gruppo ancora poco conosciuto al grande pubblico usi nomi “pesanti” per descrivere la propria musica e invogliare a premere play. Il risultato, nella stragrande maggioranza dei casi, coincide con una sonora delusione per le orecchie di chi ascolta. Sono felice di affermare che non è il caso dei Chien Bizarre. Le influenze citate, in “Outsider”, si sentono tutte, ma c’è di più: riescono a tramutarle in uno stile personale capace di lasciare intatte tutte le sensazioni che i loro pezzi si propongono di trasmettere.

“Outsider” è un album energico e determinato, a tratti spiazzante. L’energia e la rabbia di cui il rock è intriso, spesso lascia spazio a qualche tempo più lento utile a riprendere fiato e non risultare monotono. Anche i testi seguono questo trend e l’ascolto dell’album è certamente godibilissimo.

Personalmente, ho apprezzato in maniera maggiore (e per motivi differenti) Empatia e La Mia Generazione. Due brani diversi per melodie, atmosfere e significati.

Empatia è un pezzo più ritmato, tagliente e con un assolo di chitarra finale che rimanderei in loop svariate volte. Risulta coinvolgente fin dal primo ascolto e musicalmente parlando è probabilmente il migliore dell’album.

La Mia Generazione ha atmosfere più cupe e rassegnate, anche e soprattutto nel testo, in cui si condanna una generazione che “non ha più la voce”, “non porta la croce”, “non ha più dignità” e vive perennemente in attesa di qualcuno che prima o poi la salvi. Come diceva qualcuno, “la mia generazione ha perso” e il pezzo dei Chien Bizarre sembra proprio riprendere questo mood. Così come fece in passato Giorgio Gaber, anche loro non lasciano spazio ad alcuna assoluzione.

“Outsider”, in definitiva, è un ottimo biglietto da visita. La ricetta dei Chien Bizarre funziona e se le basi sono queste ci si potrà costruire sopra una valida realtà rock italiana.

Vi lascio il link all’ascolto di “Outsider” su Spotify e alla pagina Facebook dei Chien Bizarre. Noi ci leggiamo alla prossima.

Adriano Costantino

Tag:, , , , ,

No Comments
Story Page