close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

Che Rio Ce La Mandi Buona – Day #23: Cillessen dagli 11 metri non parerebbe nemmeno una mongolfiera

Il ventitreesimo giorno chiarisce perché Van Gaal nella precedente partita aveva inserito Krul al posto di Cillessen per i rigori: l’estremo difensore titolare, dagli undici metri, non parerebbe nemmeno una mongolfiera.

Van Gaal si accorge di aver terminato i cambi e deve tenersi Cillessen.
Van Gaal si accorge di aver terminato i cambi e deve tenersi Cillessen.

Olanda-Argentina 0-0 (2-4 DCR)

Partita deprimente per 120 minuti. Non succede nulla.

Nei primi 45 minutu, Sneijder sembra l’ombra di se stesso, Robben viene marcato a uomo da Mascherano per tutta la partita (appena si muove, l’argentino gli spara alle caviglie), Van Persie non ne fa una giusta, Messi non ha voglia e gli altri dieci sembrano incapaci di creare qualcosa di realmente pericoloso.

A un certo punto l’arbitro fischia l’intervallo ed è il momento più emozionante, ma Higuain mostra diversi problemi a centrare anche la porta degli spogliatoi e Sabella deve farcelo entrare di peso a calci in culo. Nel frattempo, Robben va un secondo al bagno e appena esce Mascherano gli entra in scivolata rubandogli la carta igienica.

Nella ripresa la noia è la stessa. Robben e Mascherano continuano la loro sfida: ogni volta che l’olandese guarda la palla, anche se è a chilometri di distanza, l’argentino arriva di gran carriera e con una scivolata tra gli stinchi gli toglie qualsiasi idea dalla testa.

Sul finale dei regolamentari l’Olanda inizia a spingere perché sa che, non avendo mai vinto ai rigori fino al match contro la Costa Rica, è improbabile che adesso ne vinca due di fila. E poi c’è sempre quella questione di Mascherano che entrerebbe in scivolata su Robben rubandogli la palla dal dischetto anche ai rigori. Così, l’occasione migliore capita proprio tra i piedi di Robben, il quale decide di entrare in area senza preavviso, cogliendo gli avversari alla sprovvista, ma Macherano aspetta l’ultimo momento e, tanto per cambiare, entra in scivolata e respinge un tiro che stava per trafiggere Romero. Prima dei rigori ci sarà spazio anche per un gol divorato da Palacio (già in clima Inter, nda), uno da Rojo e qualche altro tackle di Mascherano su Robben che gli porterà via anche la maglia.

Si va ai calci di rigore, con Van Gaal che avendo già finito i cambi e non potendo tirare dentro Krul al posto di Cillessen, passeggia nervosamente bestemmiando. E mentre tutti ci aspettiamo una mossa di quelle che spariglia (cit), che ne so, il portiere a tirare i cinque penalty e Robben a pararli, Cillessen non ne prende una che sia una e l’Argentina vola in finale segnando tutti i rigori. Negli ultimi due, l’estremo difensore olandese chiarisce il perché Van Gaal nella partita precedente ha preso il primo tizio che gli capitava a tiro e l’ha messo al suo posto: uno lo intuisce tuffandosi a rallentare con il pallone che gli passa sotto la mano, l’altro – quello decisivo – lo para ma se lo tira sotto la traversa. Non avrebbe parato nemmeno una mongolfiera. E Krul, inquadrato in panchina ad osservare il malcapitato, aveva la stessa faccia di Ivan Drago quando disse a Rocky (in Rocky IV, nda) che l’avrebbe spiezzato in due.

A fine partita, Robben si avvia verso il pullman olandese, ma quando sta per salire arriva Mascherano in tackle scivolato e lo spedice al pronto soccorso.

Il programma

Sabato andrà in scena la finale per il terzo e quarto posto, tra il Brasile delle meraviglie (prenderne sette in una semifinale casalinga è una meraviglia) e l’Olanda che se arriva ancora una volta ai rigori, piuttosto che lasciare dentro Cillessen, entra direttamente Van Gaal. Domenica, invece, ci sarà la tanto attesa finale tra Germania e Argentina. E, nel frattempo, i media ce le massacreranno senza alcuna pietà con la storia del derby tra i due Papi. Abbiate cuore e cercate di sopravvivere. Come sempre,  vi invito a seguire me su Twitter, e a seguire Atom Heart Magazine sul nostro account Twitter ufficiale e sulla nostra pagina Facebook.

Ad Majora!

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

No Comments
Story Page