close
Breaking news

Le pagelle della quinta serata del Festival di Sanremo 2018 Claudio Baglioni: 4...read more Lʼannuncio su Twitter di David Simon È morto a 59 anni l’attore Reg E....read more Le pagelle della quarta serata del Festival di Sanremo 2018 Claudio Baglioni: 4...read more Le pagelle della terza serata del Festival di Sanremo 2018 Claudio Baglioni: 4....read more Mentre si discute ancora sul caso di plagio che coinvolge Non mi avete fatto nie...read more Fiorello: 9. Fiorello è un maestro nel fare quello che ti aspetti da lui. Non ...read more Voci di corridoio confermano che si sta già pensando a una probabile seconda da...read more Come sarebbe la nostra vita senza tecnologia? Il docu-film “(A)social: 10 ...read more BELIZE – “Superman” (Kylome remix) disponibile da oggi in escl...read more L’attore 35enne è stato trovato morto: secondo i media Usa si sarebbe impicca...read more

Che Rio Ce La Mandi Buona – Day #21: l’elogio della follia di Louis da Amsterdam

Il ventunesimo giorno, Higuain fa riposare Messi e Van Gaal si conferma genio del male.

Tim Krul e Louis da Amsterdam.
Tim Krul e Louis da Amsterdam.

Argentina-Belgio 1-0

Stavolta Messi non ha nemmeno bisogno di sporcarsi gli scarpini. All’ottavo minuto, infatti, Higuain si ritrova un pallone vicino a piedi all’interno dell’area di rigore e lo spara in rete senza preavviso.

Il Belgio prova a rispondere, se non altro per orgoglio, ma Hazard e compagni non centrano la porta nemmeno per sbaglio.

Nel secondo tempo, c’è spazio per una traversa di Higuain, che sembra entrato finalmente in forma, e un gol divorato da Messi che per una volta è sceso in campo solo per fare presenza. E, considerando che l’Argentina è arrivata ai quarti solo grazie a lui, direi che può anche permetterselo una volta tanto.

Olanda-Costa Rica 0-0 (4-3 dcr)

Gioca solo l’Olanda, ma non riesce a segnare per 120 minuti. Merito di Navas in molte occasioni, demerito olandese in altre. Sneijder dipinge le solite traiettorie mozzafiato, ma pali e traverse gli si mettono contro.

Al 120esimo va in scena l’elogio della follia, con Van Gaal e Krul protagonisti indiscussi. L’allenatore degli Orange richiama Cillessen, il primo portiere, in panchina e lo sostituisce con l’estremo difensore del Newcastle, nonché portiere di riserva.

Si va ai rigori, e Krul diventa l’eroe di giornata. Infastidisce i tiratori in ogni modo possibile, sussurra qualcosa a Borges e a tutti gli altri. Alla fine para due rigori che consentono all’Olanda di andare in semifinale e spediscono di diritto lui e quel genio in panchina nella storia del calcio.

Olanda che, storicamente, dopo aver pareggiato nei tempi regolamentari in un Mondiale non era mai riuscita a superare il turno. Ci ha pensato Van Gaal a sfatare il tabù, con una mossa da pazzo visionario. Ha inserito un portiere che in Premier League ha parato due rigori su venti: niente di che. È pur vero che ne ha tolto uno che non ne ha mai parato mezzo, ma in quanti avrebbero fatto una mossa simile – con le medesime premesse – giocandosi una semifinale mondiale?

Il programma

Qualche giorno di riposo e poi ci risentiamo per Brasile-Germania, la rivincita della finale Mondiale del 2002 a Yokohama. Quel giorno Ronaldo prevalse su Kahn, oggi pare improbabile che Fred possa anche solo impensierire Neuer. Ma, dato che fin qui ho azzeccato pochissimi pronostici, preparatevi a una tripletta di tacco del paracarro brasiliano (Fred, per chi si fosse perso le puntate precedenti).

Come sempre, nell’attesa, vi invito a seguire me su Twitter, e a seguire Atom Heart Magazine sul nostro account Twitter ufficiale e sulla nostra pagina Facebook.

Ad Majora!

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , ,

No Comments
Story Page