close
Breaking news

Ottime notizie per tutti coloro che hanno prenotato la standard edition di Fifa...read more Arriva la rivoluzione in casa Twitter dopo anni di annunci. Il celebre social h...read more L’artista sarà sul palco dell’Ariston anche in veste di direttore a...read more Messico, ucciso assistente di produzione di ‘Narcos’: cercava locati...read more L’1 settembre uscirà il nuovo attesissimo album di Ensi, dal titolo V. Qu...read more Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more

Che Rio Ce La Mandi Buona – Day #19: Howard Segretario della Difesa, Wondolowski caso umano

Il diciannovesimo giorno conferma che l’Argentina è Messi e poco altro: senza La Pulce sarebbero già a casa da un pezzo. A malincuore, salutiamo un altro portiere protagonista principale di questo Mondiale: Tim Howard. Ma salutiamo anche Wondolowski, e questo non è un male.

Tim Howard urla agli avversari di tirare più forte, che altrimenti si annoia.
Tim Howard urla agli avversari di tirare più forte, che altrimenti si annoia.

Argentina-Svizzera 1-0

Il copione è sempre lo stesso, l’Argentina non riesce a fare granché per novanta e più minuti (stavolta anche nei supplementari), finché Messi non si rompe le balle, sale in cattedra e inventa qualcosa. Al 118esimo, l’argentino prende palla, fa quello che vuole e poi la passa a Di Maria che deposita in rete. Successivamente, Dzemaili prende un palo clamoroso che sognerà per i prossimi sei mesi.

A dir la verità, nei tempi regolamentari, la Svizzera ha avuto qualche occasione importante. Ma una volta l’imprecisione e un’altra volta Romero, hanno impedito che Messi tornasse a casa.

Belgio-USA 2-1

Tim Howard para di tutto per novanta minuti. Il Belgio ci prova più volte, ma è sempre la stessa storia: l’estremo difensore statunitense sembra insuperabile.

Sul finale dei tempi regolamentari, Wondolowski si ritrova davanti alla porta avversaria, ma colpisce malissimo sparando su Marte il pallone che avrebbe proiettato gli USA ai quarti di finale. Nella pausa che porta ai supplementari, i compagni cercano di ucciderlo, ma inutilmente, perché dopo lo ritroviamo ancora in campo a sbagliare stop, passaggi, tiri e qualsiasi altra cosa gli venga in mente. Wondolowski è un mix tra Caio, Pacheco e Quaresma peggiorati.

Nei supplementari, comunque, il Belgio passa subito in vantaggio con De Bruyne e poco dopo raddoppia con Lukaku, che dopo tre partite in ombra entra in campo e ne fa una giusta (due, se consideriamo che l’azione per il primo gol è opera sua). Al 107esimo, Green regala ancora speranza agli Stati Uniti colpendo male la palla e mettendola dentro per il gol del 2-1. Malgrado gli sforzi, il risultato però rimane invariato.

A fine partita, comunque, Tim Howard viene nominato Segretario Della Difesa degli Stati Uniti d’America. Chris Wondolowski, invece, verrà acquistato da Massimo Moratti per la squadra del quartiere.

Il programma

Noi ci risentiamo in occasione dei quarti di finale, che saranno inaugurati da Africa vs Resto Del Mondo (Francia-Germania, per gli amici) e Brasile-Colombia. Potrebbero essere due belle sfide. Come sempre, nel frattempo, vi invito a seguire me su Twitter, e a seguire Atom Heart Magazine sul nostro account Twitter ufficiale e sulla nostra pagina Facebook.

Ad Majora!

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , ,

No Comments
Story Page