close
Breaking news

Ecco la lista completa dei film presenti alla 73esima Mostra del Cinema di Venez...read more   Un nuovo titolo nel programma della 73. Mostra: L’uomo che non cambiò la s...read more   “The Rockers” è il nuovo album della stella del reggae mond...read more Finalmente pubblicata la canzone di Florence + The Machine scritta per il nuovo...read more La 73.ma edizione del Festival di Venezia segna anche il ritorno alla regia, c...read more 22 settembre. L’estate è finita ufficialmente. E su questo non ci piove....read more Orfani di Grido, i Gemelli DiVersi sono tornati in pista. Di seguito il video e ...read more   En?gma – Rapa Nui (Prod. By Wsht) Rapa Nui è il terzo singolo est...read more “Curriculum” è il primo singolo estratto da “Canzoni per met...read more “Dal Basso“, fuori ora il nuovo video di Emis Killa estratto dal suo nuovo a...read more

Berlusconi e le sue donne (nel bagagliaio) in uno Spot targato Ford *Figo* – Arrivano le scuse ufficiali

Spot-Ford-Figo-625x350

Incredibile quello è successo sul sito specializzato Ads of the World che ritraevano il colosso mondiale automobilistico americano: la Ford. Infatti durante la navigazione era possibile scorgere precisamente 3 banner pubblicitari che ritraevano Berlusconi alla guida di un auto con tre donne nel bagagliaio. Queste ultime erano chiari ed espliciti (almeno in due casi) riferimenti alle donne che ricoprono pagine e pagine dei quotidiani italiani: Ruby Rubacuori e Nicole Minetti, l’altra invece è una poliziotta. Erano abbastanza inequivocabili i riferimenti ai festini di Arcore.

In una nota la Ford ha espresso il suo dispiacere per l’accaduto:

“Siamo profondamente dispiaciuti per questo incidente, e concordiamo con i nostri partner sul fatto che mai si sarebbe dovuto verificare. Le immagini sono contrarie agli standard di professionalità e di decoro adottati da ‘Ford’ e dai suoi partner”.

Sembrerebbe che questi bozzetti fossero destinati addirittura alla pubblicità stradale, in particolare per cartelloni formato 6×3 metri. Tutto smentito ovviamente dal colosso pubblicitario Jwt, proprietaria dei disegni e che questi mai sarebbero dovuti comparire in rete nè tantomeno realizzati.

Senz’altro una caduta di stile!

Tag:, ,

No Comments
Story Page