close
Breaking news

Ottime notizie per tutti coloro che hanno prenotato la standard edition di Fifa...read more Arriva la rivoluzione in casa Twitter dopo anni di annunci. Il celebre social h...read more L’artista sarà sul palco dell’Ariston anche in veste di direttore a...read more Messico, ucciso assistente di produzione di ‘Narcos’: cercava locati...read more L’1 settembre uscirà il nuovo attesissimo album di Ensi, dal titolo V. Qu...read more Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more

Avenue Of Heroes: Un po’ di sano metalcore dalla capitale!

Oggi siamo qui per farvi conoscere gli Avenue Of Heroes, band metalcore di Roma nata nel Settembre del 2008.

Si stanno facendo conoscere con riff molto accattivanti, di stampo metalcore e ritornelli melodici e cantabili.

Hanno condiviso il palco con numerose band italiane e non riscuotendo molto successo nella capitale e nel resto d’Italia.

Da meno di un mese hanno pubblicato il loro primo full lenght, Consequences, prodotto dalla This Is Core Label, ricco di spunti classici del metalcore, testi impegnati e ritornelli facilmente ricordabili.. al tutto aggiungiamo la cattiveria del genere e otteniamo lo splendido lavoro della band, che potete comprare ai live del gruppo, scaricare da i-tunes o ascoltare per intero a questo link.

Consequences – Avenue Of Heroes – I-Tunes Link

Ascolta Consequences – Avenue Of Heroes – Link Youtube

Ma ora passiamo all’intervista!

—–

Siamo qui con Riccardo Voci, bassista degli Avenue Of Heroes, band metalcore che sta venendo fuori molto bene nella scena romana, cercando di farsi strada anche al di fuori dello stivale.

Cominciamo con le domande.

Avenue Of Heroes, quando e come è cominciato tutto?

Tutto è iniziato, come spesso accade, per amicizia e divertimento. Lorenzo ( batterista ) Jacopo ( ex chitarrista ), Giangi ( chitarrista ) e Mario ( ex cantante ) hanno messo su questa band dopo varie esperienze e in un secondo momento si è poi aggiunto Riccardo ( bassista ). La genesi è stata questa.
In seguito ci sono stati vari cambi di line up fino ad arrivare alla formazione definitiva da 2 anni a questa parte.

Quando avete deciso di fare della musica il vostro scopo di vita? Quando avete capito che potevate e potete ancora fare qualcosa di importante con questo gruppo?

Credo che quello che ancora oggi ci spinge è il puro divertimento.
Non abbiamo scopi o obiettivi particolari e sicuramente abbiamo tanto altro nella vita .
La musica è solo una bellissima cornice che per ora ci ha regalato tante soddisfazioni, anche se davvero sudate.

Da chi prendete l’ispirazione? Si sentono riprese alla August Burns Red e allo stesso tempo ritornelli melodici…

I gruppi di riferimento sono tanti. Nel gruppo nessuno ascolta le stesse cose e le band in comune tra tutti i componenti della band sono poche: August Burns Red, come hai detto tu, As I Lay Dying, Confide, Texas In July, i primi Underoath.
I ritornelli più melodici, figli di quel periodo emocore/screamo che forse ci ha segnato di più, li abbiamo adottati anche per via delle valide capacità vocali di Lorenzo.

Avete già girato molto l’Italia… progetti per il futuro? Magari qualche data all’estero o tour in vista?

Il nostro principale obiettivo sarebbe quello di fare un tour europeo e per ora ci stiamo concetrando su quello.
In estate ci piacerebbe fare quealche live in giro per l’Italia ma non è facile essendo una band emergente con un solo cd all’attivo.
Confidiamo nei ragazzi della Get Real per poter raggiungere questo obiettivo molto presto!

Sogni nel cassetto? Con chi vi piacerebbe dividere il palco un giorno?

Ci siamo già tolti belle soddisfazioni sotto questo punto di vista ma il sogno rimane quello di poter dividere il palco con le band che più amiamo ( quelle citate prima ).
Credo però che la cosa più importante sia dividere il palco con PERSONE che ti diano qualcosa in cambio a livello umano, ma purtroppo questo non accade spesso .

Tra il 2010 ed oggi avete subito molti cambiamenti all’interno del gruppo, dal genere ai membri di esso, dal contratto con la ThisIsCore all’uscita del cd, come avete preso tutti questi cambiamenti e quali sono stati i momenti più importanti e belli di questi 2 anni.

Sicuramente il cambio di line up è stato un momento molto importante per noi.
E’ stato difficile trovare ragazzi che volessero mettere prima di tutto sudore e passione nel progetto! Ci sono stati molti problemi, momenti di sconforto di fronte ai tanti ostacoli che ci sono capitati davanti ma alla fine oggi siamo ancora qui, vivi e vegeti, anche se con qualche annetto in più, pronti a farci valere su qualsiasi palco.

Chi scrive i testi e chi la musica?

Sotto questo punto siamo molto categorici.
Di base Valerio scrive i pezzi e poi li arrangia con Gian Luigi; Manuel scrive i testi e le linee di scream e Lorenzo i ritornelli…. io porto il caffè a tutti.
Nonostante i vari lavori in singolo, il tutto poi viene rielaborato dall’intera band, motivo per il quale siamo molto lenti a scrivere e comporre.

Chi cura la grafica, l’idea della copertina del cd da chi è venuta? Il video di Let This World Sink è molto particolare… Dove sono state fatte le riprese, cosa volete dire attraverso questo video ed in particolare con questo pezzo che un po’ vi caratterizza?

Per le grafiche ci siamo arrangiati noi.
Gian Luigi e Manuel sono quelli più creativi e alla fine ci siamo fatti tutto da soli: magliette, copertina del cd, grafiche…
I due video sono stati girati da Daniele Brunelletti, un nostro amico e fan prima che collaboratore: quello di Let This World Sink è stato girato in varie locations; il ponte si trova in un posto sperduto fuori Roma, ricordo solo che per arrivarci abbiamo passato vecchie gallerie di treni e campi pieni di carcasse di mucche…
Il video parla di un virus che ha distrutto il pianeta ,da qui anche la copertina del disco che rappresenta una terra in fiamme e ormai morta, molto in stile zombie / fine del mondo che va molto di questi tempi.
Il secondo video Creatures è stato girato in un bosco a Fiuggi ed ha visto al partecipazione del fratello di Gian Luigi, Ci Crecco.

Cosa volete dire in generale nelle vostre canzoni, cosa volete trasmettere al pubblico che vi ascolta e vi viene a vedere dal vivo?

Sicuramente teniamo molto ai messaggi che ci sono nei nostri testi.
Speriamo e teniamo molto al fatto che la gente li legga prima di canticchiarli.
I messaggi sono vari da canzone a canzone… si va da canzoni contro il sistema in cui viviamo a storie d’amore finite male, ci stà un po di tutto.
Invito tutti quelli che apprezzano la nostra musica, ma anche in generale, a leggere quello che un gruppo vuole realmente dire poichè ritengo sia molto importante.

Grazie mille per questa opportunità e per questa intervista.
Speriamo di essere stati esaustivi e di avervi incuriosito un pochino ad ascoltarci e venire ai nostri concerti!

Noi di Atom Heart Radio ringraziamo gli Avenue Of Heroes per averci concesso questa intervista, invitiamo tutti ad ascoltare e seguire questo gruppo anche dal vivo, merita veramente.

Link alla pagina di Facebook degli Avenue Of Heroes

Let This World Sink – Avenue Of Heroes

Immagine anteprima YouTube

Tag:, , , , , , , , ,

Show 2 Comments

2 Comments

Story Page