close
Breaking news

Ecco la lista completa dei film presenti alla 73esima Mostra del Cinema di Venez...read more   Un nuovo titolo nel programma della 73. Mostra: L’uomo che non cambiò la s...read more   “The Rockers” è il nuovo album della stella del reggae mond...read more Finalmente pubblicata la canzone di Florence + The Machine scritta per il nuovo...read more La 73.ma edizione del Festival di Venezia segna anche il ritorno alla regia, c...read more 22 settembre. L’estate è finita ufficialmente. E su questo non ci piove....read more Orfani di Grido, i Gemelli DiVersi sono tornati in pista. Di seguito il video e ...read more   En?gma – Rapa Nui (Prod. By Wsht) Rapa Nui è il terzo singolo est...read more “Curriculum” è il primo singolo estratto da “Canzoni per met...read more “Dal Basso“, fuori ora il nuovo video di Emis Killa estratto dal suo nuovo a...read more

Anticipazioni: Roy Paci, grandi ritorni e nuove produzioni

2013-02-03_021812firm

Si attende l’uscita imminente di Blaccahènze, ultimo lavoro di Roy Paci con uno dei suoi progetti più belli di sempre Corleone. Progetto sperimentale a cui ormai i termini come “eclettico”, “avanguardia”, “non catalogabile”, “non etichettabile” vengono associati quasi automaticamente. Per me il senso dato dalla voglia di suonare, divertirsi e sperimentare propria di questo progetto si può descrivere in una sola parola: Libertà. Come le parole stesse di Mr. Paci ribadiscono: “L’improvvisazione non è sinonimo di jazz, è sinonimo di libertà sonora”.

Incontriamo il maestro alla presentazione di una delle sue ultime produzioni, SYD (See You Dowtown), omonimo disco del  gruppo del chitarrista catanese Marco Pettinato aka John Lui.  Per questo disco, Roy Paci, produttore artistico ed esecutivo, si avvale della presenza di Marco Trentacoste (Lacuna Coil, Le vibrazioni, Rezophonic) co-produttore e sound engineer del progetto. Tutte le carte sembrano in regola per questa one-man band, che ha l’intento di fondere una spiccata attitudine rock a sonorità nu-rave. Rendendo il sound della band unico e raffinato, ottima base per un sicuro e lungo viaggio di stimoli sperimentali.

Ringraziamo ancora il maestro Roy Paci per la grande disponibilità che lo contraddistingue, ma soprattutto per questi ennesimi regali/stimoli musicali con cui ci delizia.

A presto la recensione di entrambi i dischi. Stay Tuned on Atom Heart Magazine.

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , ,

No Comments
Story Page