close
Breaking news

Ecco la lista completa dei film presenti alla 73esima Mostra del Cinema di Venez...read more   Un nuovo titolo nel programma della 73. Mostra: L’uomo che non cambiò la s...read more   “The Rockers” è il nuovo album della stella del reggae mond...read more Finalmente pubblicata la canzone di Florence + The Machine scritta per il nuovo...read more La 73.ma edizione del Festival di Venezia segna anche il ritorno alla regia, c...read more 22 settembre. L’estate è finita ufficialmente. E su questo non ci piove....read more Orfani di Grido, i Gemelli DiVersi sono tornati in pista. Di seguito il video e ...read more   En?gma – Rapa Nui (Prod. By Wsht) Rapa Nui è il terzo singolo est...read more “Curriculum” è il primo singolo estratto da “Canzoni per met...read more “Dal Basso“, fuori ora il nuovo video di Emis Killa estratto dal suo nuovo a...read more

Anonymous attacca – il sito del Coisp K.O. per “vendicare” la madre di Aldrovandi

origin_Kas-ir-Anonymous-4

“Salve, servi dello Stato apprendiamo dell’ennesima dimostrazione di viltà alla quale avete dato adito. Il vostro pseudo-sindacato manifesta solidarietà verso mani colpevoli e sporche di sangue innocente. Insabbiate la verità, sprezzanti di una madre orfana di un figlio strappatole barbaramente da quattro assassini, rendendovi complici di una sanguinosa mattanza e di un dolore che non può essere sopito”. 

81e35d0db148caf878e72b16bb1f06a3Esordisce in questo modo Anonymous, dopo la manifestazione dei poliziotto del sindacato Coisp al comune di Ferrara. Gli hacker hanno rilasciato dunque un messaggio per vendicare le vittime “statali” (in particolare, presente anche la madre di Aldrovandi) ed oscurando il sito web ufficiale del sindacato che ancora ora è KO.

Termina in questo modo il testo vendicativo in cui gli hacker di Anonymous spiegano i motivi dell’attacco.

“Non dimenticheremo chi è caduto per mano di vili assassini asserviti al potere, non dimentichiamo lo strazio delle madri e dei padri che chiedono giustizia e rispetto. Le loro urla e le loro lacrime sono anche le nostre e a loro ci stringiamo, con la promessa di utilizzare tutte le armi in nostro possesso per indagare sulle morti impunite, per fare luce laddove lo Stato complice vuole imporre il silenzio”.

Tag:, ,

No Comments
Story Page