close
Breaking news

L’artista sarà sul palco dell’Ariston anche in veste di direttore a...read more Messico, ucciso assistente di produzione di ‘Narcos’: cercava locati...read more L’1 settembre uscirà il nuovo attesissimo album di Ensi, dal titolo V. Qu...read more Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more

Anonymous attacca – il sito del Coisp K.O. per “vendicare” la madre di Aldrovandi

origin_Kas-ir-Anonymous-4

“Salve, servi dello Stato apprendiamo dell’ennesima dimostrazione di viltà alla quale avete dato adito. Il vostro pseudo-sindacato manifesta solidarietà verso mani colpevoli e sporche di sangue innocente. Insabbiate la verità, sprezzanti di una madre orfana di un figlio strappatole barbaramente da quattro assassini, rendendovi complici di una sanguinosa mattanza e di un dolore che non può essere sopito”. 

81e35d0db148caf878e72b16bb1f06a3Esordisce in questo modo Anonymous, dopo la manifestazione dei poliziotto del sindacato Coisp al comune di Ferrara. Gli hacker hanno rilasciato dunque un messaggio per vendicare le vittime “statali” (in particolare, presente anche la madre di Aldrovandi) ed oscurando il sito web ufficiale del sindacato che ancora ora è KO.

Termina in questo modo il testo vendicativo in cui gli hacker di Anonymous spiegano i motivi dell’attacco.

“Non dimenticheremo chi è caduto per mano di vili assassini asserviti al potere, non dimentichiamo lo strazio delle madri e dei padri che chiedono giustizia e rispetto. Le loro urla e le loro lacrime sono anche le nostre e a loro ci stringiamo, con la promessa di utilizzare tutte le armi in nostro possesso per indagare sulle morti impunite, per fare luce laddove lo Stato complice vuole imporre il silenzio”.

Tag:, ,

No Comments
Story Page