close
Breaking news

Ecco la lista completa dei film presenti alla 73esima Mostra del Cinema di Venez...read more   Un nuovo titolo nel programma della 73. Mostra: L’uomo che non cambiò la s...read more   “The Rockers” è il nuovo album della stella del reggae mond...read more Finalmente pubblicata la canzone di Florence + The Machine scritta per il nuovo...read more La 73.ma edizione del Festival di Venezia segna anche il ritorno alla regia, c...read more 22 settembre. L’estate è finita ufficialmente. E su questo non ci piove....read more Orfani di Grido, i Gemelli DiVersi sono tornati in pista. Di seguito il video e ...read more   En?gma – Rapa Nui (Prod. By Wsht) Rapa Nui è il terzo singolo est...read more “Curriculum” è il primo singolo estratto da “Canzoni per met...read more “Dal Basso“, fuori ora il nuovo video di Emis Killa estratto dal suo nuovo a...read more

“Amore & Rabbia? Non volevo fare un secondo album, ma si è scritto da solo” – Intervista a Uzi Junkana

DSC_2199-2 stretto con blur (Custom)

Uzi Junkana, è nato a Cagliari nel 1988. Inizia ad ascoltare rap all’età di 12 anni e inizia a scrivere le prime rime a 13. I primi grossi palchi li calca tra il 2006 e il 2009, quando inizia a produrre una serie di mixtape tra cui il famoso The LucaBrasi Vol.1, che lo porta da a pubblicare il suo primo progetto ufficiale Tempo di Splendere. È considerato uno degli artisti più freschi e innovativi della scena rap italiana. Negli ultimi tempi, infatti, si è fatto notare per essere uno tra i migliori rapper in circolazione a livello tecnico, specializzato nel fast rhyming. Ha da poco firmato con la Red Carpet Music, l’etichetta di Amir. Sotto di essa ha pubblicato Amore & Rabbia. Di questo e di molto altra ce ne ha parlato lui stesso.

Ciao Uzi. Parlaci un po’ del tuo nuovo album, Amore & Rabbia: come è nato?
Ciao Ragazzi. È nato in modo molto spontaneo, ero a lavoro sul disco con Ibo Montecarlo, album che ancora deve uscire a cui abbiamo lavorato molto. A un certo punto ci son stati dei problemi logistici che son durati un paio di mesi. Io, essendo super infogato in quel periodo, ho iniziato a scrivere su dei beat che mi avevano passato i miei producers preferiti e poco tempo dopo è uscito fuori Amore & Rabbia. Non avevo intenzione di fare un secondo album, è lui che si è scritto da solo.

Amore & Rabbia: perché hai scelto proprio questo titolo?
Perché rappresenta a pieno gli argomenti, le emozioni e la musicalità del disco che in alcuni casi quasi si contrappongono.

Sei di Cagliari, Sardegna. Com’è la scena hip hop da quelle parti?
C’è grande fermento, ci sono un sacco di gruppi che fanno il loro e lo fanno bene. Spero che in futuro si possa creare qualcosa di figo.

C’è qualche nome interessante che si sta facendo largo?
Tutta la gente che gravita intorno a me si sta dando molto da fare, parlo del mio collettivo Parabellum, Arangino, Pakos e Gotty.  Anche La Blatha e l’UrtoGang stanno spingendo bene.

A livello nazionale, invece, quali artisti ti incuriosiscono di più?
Tutto il collettivo Killasoul sta facendo un grande lavoro e musica fighissima, Nex Cassel e tutto il giro Adriacosta lo stesso. Diciamo che ormai in Italia c’è un sacco di gente brava.

Torniamo a parlare del nuovo album. Qual è il pezzo che ti sei divertito di più a registrare?
Penso John Doe. Ho un video nel pc in cui si vede Arangino che registra. L’ho riguardato da poco ed eravamo in lacrime, è stato divertente!

E quello che ti rappresenta un po’ più degli altri o al quale ti senti più legato?
Probabilmente Metà del cammino.

Dopo Amore & Rabbia che altro ci sarà? Nuovi poggetti all’orizzonte?
Finalmente possiamo finire il disco con Ibo Montecarlo, che sarà fuori tra pochissimo.

Siamo giunti al termine. Nel salutarti, ti ringrazio del tempo che hai concesso a me e ai nostri lettori e ti faccio un grande in bocca al lupo per tutto ciò che verrà da qui in avanti. Lasciaci pure tutti i link per rimanere in contatto con te e la tua musica.
Grazie a voi per lo spazio! Mi trovate su Facebook e Twitter.

Tag:, , , , , ,

No Comments
Story Page