close
Breaking news

L’artista sarà sul palco dell’Ariston anche in veste di direttore a...read more Messico, ucciso assistente di produzione di ‘Narcos’: cercava locati...read more L’1 settembre uscirà il nuovo attesissimo album di Ensi, dal titolo V. Qu...read more Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more

Ciclo Oscar 2014: 12 Years a Slave

slave11n-9-web

Ogni anno, giunti alla Award Season, c’è spesso un solo film sul piedistallo, amato e acclamato dalle giurie, dal pubblico e dai fan: quest’anno tocca a 12 Years a Slave di Steve McQueen, un concentrato di emozioni e talento, ispirato ad una storia vera.

“Il mio nome è Solomon Northup, e sono un uomo libero.” Questa frase probabilmente basta, da sola, a sintetizzare il nucleo centrale del film. Solomon Northup (Chiwetel Ejiofor), autore delle memorie pubblicate nel 1853, dalle quali è stato tratto il film, è un uomo di colore, nato libero nello stato di New York, che ha una famiglia e molti amici, ed è un violinista incredibilmente talentuoso. Tutto crolla, però, quando egli viene rapito e venduto come schiavo, finendo a lavorare prima per il tormentato e religiosissimo William Ford (Benedict Cumberbatch), e poi per il crudele Edwin Epps (Michael Fassbender).

La performance di Chiwetel Ejiofor è magistrale, dà una forza incredibile alla figura del protagonista e rende lo spettatore partecipe del dolore di un uomo libero, costretto a patire la schiavitù semplicemente perché la sua pelle è del colore “sbagliato”. I personaggi di contorno sono molti ed estremamente importanti. Al primo posto troviamo il collerico e spietato Epps, interpretato da un Fassbender più in forma che mai, nel suo ruolo forse più difficile finora, che gli ha fatto guadagnare una candidatura all’Oscar. Uomo senza freni morali, è irresistibilmente attratto da Patsey (Lupita Nyong’o), la più bella dei suoi schiavi, con cui ha una relazione non consensuale e che porta la ragazza a spingersi al suicidio più volte. Lupita è perfetta nel ruolo ed ha ottenuto, prevedibilmente, un gran successo di critica.
Altro personaggio secondario che ho apprezzato particolarmente è il primo padrone di Solomon, William Ford, non tanto perché il mio cuore appartenga un po’ a Benedict Cumberbatch, il cui accento peraltro non è lontanamente adatto e naturale come quello di Fassbender, quanto perché la sua figura porta alla luce l’ipocrisia della cristianità di quell’epoca: è contrario all’impiego e allo sfruttamento moralmente illecito di uomini e donne, ma comunque non fa nulla per tentare di arginare questo problema della società.

Ogni personaggio è scritto ed interpretato in modo magistrale, e credo che anche in questo stia la forza dei film di McQueen (basti pensare, ad esempio, a Shame). Ejiofor e Fassbender, comunque, troneggiano su tutti, e le scene che dividono sono tra le più intense e meglio recitate a cui io abbia mai assistito. Non mancano mai, come di consueto con McQueen, i lunghi piani sequenza e le scene più “crude”, che contribuiscono a rendere perfettamente evidente la realtà storica. Le musiche, composte da Hans Zimmer, legano realtà e finzione, facendoci immergere completamente nel film e regalandoci ulteriori emozioni.

A oggi il film ha ricevuto, tra gli altri, un rating di 97% su Rotten Tomatoes, un Golden Globe per Miglior Film, diversi premi della Critica internazionale, 8 nomination ai BAFTA e 9 agli Academy Awards.

Capolavoro, assolutamente da non perdere.

Tag:, , , , , ,

No Comments
Story Page